Review AMD FX Vishera: nuova generazione di processori con rapporto prezzo/prestazioni vincente!

 

AMD aggiorna il proprio catalogo di processori dedicati alla fascia medio-alta del settore desktop, presentando 4 nuove CPU della famiglia FX Vishera. Disponibili con 4, 6 e 8 Core, si distinguono per una nuova architettura, frequenze di funzionamento elevate e consumi invariati rispetto all’attuale generazione. Proseguendo con la lettura dell’articolo, analizzeremo l’architettura generale e le prestazioni della CPU top gamma: l’AMD FX 8350.

 

I processori AMD FX Vishera sono la diretta evoluzione di Bulldozer, processori presentati circa un anno fa che hanno mostrato discrete prestazioni in ambito multi thread grazie soprattutto al gran numero di Core disponibili (sino ad 8), ma dove, a causa di varie scelte architetturali, peccavano nel single thread. AMD con questa nuova revisione punta a migliorare le prestazioni generali, introducendo varie migliorie architetturali che permetteranno di massimizzare l’efficienza prestazionale a parità di frequenza di funzionamento. Tra l’altro, queste nuove versioni che ampliano il catalogo, operano a frequenze particolarmente elevate, sino ad oltre 4 GHz (in modalità Turbo). 

La nomenclatura è rimasta invariata rispetto alle proposte Bulldozer, infatti queste ultime saranno ancora in produzione presumibilmente con tagli ai listini. Comunque la nuova e la “vecchia” generazione sono facilmente riconoscibili dal nome, infatti le prime vengono riportate con le cifre finali “100″ e “200″ ad esempio FX 6200 e FX 8150, mentre le nuove Vishera fanno parte della serie “300″ tra cui spicca l’FX 8350, la proposta top gamma che andremo ad analizzare. Questo esemplare, come le restanti soluzioni FX 8000, dispone di 8 Core e può gestire un altrettanto numero di Thread, la frequenza di funzionamento si attesta esattamente a 4 GHz e può raggiungere, nella modalità Turbo, un valore massimo di 4,2 GHz.

Di seguito possiamo visionare le principali caratteristiche tecniche degli attuali processori AMD della serie FX, sia con architettura Bulldozer che i nuovi Vishera (in Blu): 

Modello Numero Core Frequenza Turbo (max) TDP
FX 8350  8  4 GHz  4,2 GHz  125 W
FX 8320  8  3,5 GHz  4 GHz  125 W
FX 8150  8  3,6 GHz   4,2 GHz  125 W
FX 8120  8  3,1 GHz  4 GHz  125 W
FX 8100  8  2,8 GHz  3,7 GHz  95 W
FX 6300  6  3,5 GHz  4,1 GHz  95 W
FX 6200  6  3,8 Ghz  4,1 GHz  95 W
FX 6120  6  3,5 GHz  4,1 GHz  95 W
FX 6100  6  3,3 GHz  3,9 GHz  95 W
 FX 4300   4  3,8 GHz  4 GHz  95 W
 FX 4170   4  4,2 GHz  4,3 GHz  95 W
 FX 4130   4  3,8 GHz   3,9 GHz  95 W
 FX 4100   4  3,6 GHz   3,8 GHz  95 W

Le versioni FX 6000 e FX 4000 sono dedicate alla fascia media del mercato, con prezzi inferiori ai 150 euro, dispongono rispettivamente di 6 e 4 Core, le frequenze di funzionamento variano a seconda dello specifico modello. Per quanto riguarda i consumi sono previsti TDP di 95 W e 125 W, rispettivamente per le versioni a 4-6 Core e 8 Core, quindi rimangono invariati rispetto a quelli della passata generazione. La famiglia AMD FX Vishera è basata sul socket AM3+, quindi con il lancio di queste nuove CPU non sono previste nuove schede madri (a meno ché non sia il brand a voler ampliare il proprio catalogo), infatti basterà aggiornare il Bios di quelle correnti per garantirsi la corretta compatibilità.

AMD ha scelto una tecnica di mercato aggressiva, infatti i prezzi a cui vengono proposte le nuove CPU sono molto interessanti e mediamente inferiori  a quelli della controparte Intel. Il modello all’apice di questa serie verrà commercializzato a meno di 200 dollari, un ulteriore distacco di 30 euro ci sarà con l’altro processore ad 8 Core, invece l’FX 6300 e l’FX 4300 si attesteranno rispettivamente a circa 130 e 120 dollari. 

Una buona notizia per gli appassionati di overclock, infatti tutte le nuove 4  CPU sono “Unlocked”, quindi hanno i moltiplicatori sbloccati verso l’alto. Ciò garantisce un semplice aumento per la frequenza dei Core, oltre a poter raggiungere risultati maggiori.

 

 

 

  • Pegaz P

    “da notare che la configurazione a 5 GHz ci mostra poche differenze rispetto al processore Intel Core i7 3930K (una proposta da oltre 500 euro)” 

    il 3930K stava a default vero!? .. portate il 3930K a 5Ghz poi se ne riparla.

    • http://twitter.com/TechArenaIT TechArena

      Hai ragione Pegaz ma il discorso verteva sul rapporto prezzo/prestazioni, ovvero come con una CPU da circa 200 Euro, grazie ad una propensione all’OC elevata, si possano raggiungere all’incirca prestazioni di un processore superiore (superiore in tutto, prezzo e prestazioni). E’ ovvio che se porti a 5 GHz anche il 3930K il divario è enorme,  ma non era questo lo scopo di quel test.

      • Pegaz P

        ricevuto :)

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

Archivo mensile 2020


Visualizza gli Archivi completi
▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980