AMD Mantle non supporterà le console, allora a che serve?

 

Ieri sera Microsoft ha rilasciato un comunicato in cui affermava che le API grafiche della Xbox One sarebbero state unicamente le DirectX 11.x, un superset delle librerie Direct3D 11.2 e che altre API, come le OpenGL o le neonate Mantle di AMD non saranno supportate dalla console. A questo comunicato a fatto seguito il più esplicativo post di AMD, che spiega come le API Mantle, benchè cross-platform, siano dedicate esclusivamente ai PC e non alle console.

“Quello che Mantle crea per i PC è un ambiente di sviluppo simile a quanto esiste per console, che offrono già API a basso livello, programmazione Close-to-metal, sviluppo semplificato ed altro ancora (contro il più complesso ambiente di sviluppo per PC). Creando un ambiente di sviluppo più simile a quello che c’è per le console, Mantle permette di ridurre i tempi di commercializzazione, i costi di sviluppo e permette un rendering più efficiente, migliorando le performance per i gamer.

La connessione con l’ambiente console è stata fatta semplicemente perchè le console next-gen utilizzano grafica Radeon, dunque molto del lavoro di sviluppo fatto per le console si adatta bene anche all’architettura Radeon per PC desktop, questo continuum è ciò che permette a Mantle di esistere.”

Stranamente, ciò che è scritto in questo comunicato è un grosso passo indietro rispetto a quanto AMD aveva affermato in passato. Al Computex, il general manager del settore grafico Matt Syknerr, aveva dichiarato che la presenza di hardware AMD su entrambe le console next-gen, PS4 e Xbox One, avrebbe facilitato lo sviluppo anche su altre piattaforme che utilizzassero grafica con architettura GCN.

“Utilizzeremo il successo delle console next-gen anche in altri settori (PC), laddove saranno eseguiti i port (dei giochi), questi avranno prestazioni elevate sulle nostre schede grafiche.”

L'ultimo punto elencato nelle caratteristiche, era proprio l'intercompatibilità tra le piattaforme

L’ultimo punto elencato nelle caratteristiche, era proprio l’intercompatibilità tra le piattaforme

Alla conferenza #gpu14 svoltasi lo scorso mese ad Honolulu, Hawaii, la posizione dominante di AMD si era arricchita delle API Mantle, che, secondo quanto affermato in tale occasione, avrebbero facilitato enormemente lo sviluppo cross-platform. Mantle dovrebbe garantire l’accesso “bare-metal” all’architettura GCN, emulando su PC l’accesso “close-to-metal” permesso dalle API per le console, tutto questo incrementando anche le API disponibili per console (o sostituendole, come deve aver pensato Microsoft).

In sostanza dalla #gpu14 era venuto fuori un quadro promettente: una piattaforma hardware simile per le console next-gen e non troppo diversa dai PC, unita ad API cross-platform comuni, avrebbe semplificato enormemente lo sviluppo di giochi multipiattaforma.

 

Ora che, dopo le ultime dichiarazioni di Microsoft, confermate da AMD, le API Mantle non saranno più multipiattaforma e, tra l’altro, non saranno rese pubbliche prima del 2014-2015, perchè mai gli sviluppatori dovrebbero utilizzarle per il codice dei propri giochi in luogo di API davvero aperte e multipiattaforma?

Probabilmente AMD ci fornirà una spiegazione più esauriente nella developer conference in programma a novembre, dando la giusta collocazione a Mantle, ma fino ad allora, alla luce di queste ultime dichiarazioni, per noi rimane una carta giocata male, anzi malissimo.

Fonte: urlVR-Zone
 
Tag dell'articolo: , , , , , .

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

Archivo mensile 2019


Visualizza gli Archivi completi
▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980