+ Rispondi
Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 17
  1. #1
    Cavaliere Romantico
    Iscritto dal
    03/09/2011
    Località
    O mia bela madunina...
    Messaggi
    2,942

    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)

    Rieccomi qui a riproporvi il thread (rimaneggiato per renderlo leggibile senza le varie domande/risposte effettuate da altri utenti presenti nel thread originale) mio primo impianto a liquido; correva l'anno 2005 quando decisi di acquistare lo Zalman Reserator 1...
    All'epoca avevo poche conoscenze di impianti a liquido sebbene seguissi da ospite il forum; ci sono diverse cose che ora non direi più, tipo che l'alluminio anodizzato regge all'effetto di corrosione galvanica
    In impianti come questo, con metalli differenti, è sempre necessario l'uso di un liquido anticorrosivo che è da cambiare nell'ordine di sei mesi un anno.
    Il pc montava un Athlon 2200+, una scheda madre Epox Nforce e come scheda video una nuovissima (all'epoca) Ati Radeon 9700pro. L'alimentatore era un silenziosissimo Silentmaxxx da 450W.


    Ciao ragazzi!
    ho fatto il mio primo passettino verso il water cooling!
    Ieri ho acquistato il bestione che, oltre all'estetica, mi piace anche per la sua (quasi) totale silenziosità. Premetto che deve arrivarmi, ma volevo sapere che prodotti devo usare oltre l'acqua distillata.
    Il Reserator è in alluminio anodizzato, non so se questo significa che non si può corrodere o rovinare. Il core del dissiparore cpu è si in rame, ma gold plated.
    La parte superiore del dissi invece è in alluminio, se andate sul sito Zalman vedete i particolari!
    Appena mi arriva posto ancora con foto!
    grazie per l'aiuto a tutti!

    Ecco le foto!
    Scopo: PC FIGOSO, ma soprattutto, SILENZIOSO! (brutta rima non voluta..)






    Ho iniziato ad organizzare il tavolino per il montaggio (periodo di "check" perdite).. ho una sola parola per questo radiatore... MAESTOSO!
    Sulla carta non da la sensazione, ma il peso (6 kg), le dimensioni (60cm di altezza ed il diametro di 15 cm da aletta ad aletta) ed il colore blu metallizzato sono veramente impressionanti!
    Lo stesso per il waterblock con ii suo mezzo chilo circa ed un'estetica accattivante!
    al momento sono veramente slanciato..
    A tra poco alcune foto con montaggio check!

    Accidenti! per il test perdite non ho solo acqua distillata!
    ho solo mezzo litro di distillata e 5 litri di demineralizzata... ho fatto un pò di ricerche a riguardo ed ho trovato questo:
    acqua deionizzata demineralizzata
    secondo voi che siete molto più esperti di water cooling, posso provocare qualche danno? pensavo di mettere insieme i due tipi che ho a disposizione al momento.
    opinioni?

    Ho mischiato i due tipi di acqua per il check... incrocio le dita!e
    Ecco un pò di foto della belva

    visione d'insieme

    radiatore con DVD ad esempio per confrontare la dimensione

    dettagli staffa ritenzione waterblock e le due gpublock

    il fondo del waterblock Zalman (goldplated)

    waterblock visto da sopra (è sdraiato per simulare la posizione nel pc)

    controllo del flusso acqueo

    ecco il mio vecchio pc come sta ora... ciao ciao rumore!

    ed ecco le attuali temp in idle; sotto stress va fino a 58, la scheda video, radeon9700pro, idle 43, stress 53

    In effetti la spesa è stata corposa, ma l'estetica del prodotto, il facile montaggio e la silenziosità me lo hanno fatto preferire ad una soluzione da integrare (dove avrei dovuto sicuramente forellare da qualche parte il case cercando poi di far stare tutto dentro).
    Considerate che in se il kit Zalman completo mi è costato circa 240 euro, il resto viene dall'alimentatore, 230 euro circa. I dischi sono Maxtor, ma al momento non mi danno noie, nel caso li setto a low noise con il suo sw.
    Ultima modifica: 12-12-2011 alle 22:02, di RedWolfwere

  2. #2
    Cavaliere Romantico
    Iscritto dal
    03/09/2011
    Località
    O mia bela madunina...
    Messaggi
    2,942
    Conclusione:
    Ho finito!!!!!
    è talmente silenzioso che sento solo il ronzio della pompa e del monitor acceso!
    Magari un paio di ventole le metto (una in entrata ed una in estrazione) giusto per far circolare l'aria nel case; che ne dite?
    a domani alcune foto!

    Concluso tutto, grande soddisfazione ed orecchie al sicuro!
    ecco le foto che mancavano all'appello:


    mattina di sabato, inizia lo smontaggio/montaggio

    rimosso il waterblock, i tubi lasciati a sgocciolare (non ho vuotato tutto)

    smontaggio del Thermaltake Giant2 dalla scheda video!

    situazione un pò confusa in camera... la notte si avvicina!

    montato il waterblock ed il dissipatore Zalman sul Northbridge


    salto in avanti senza foto (avevo scaricato le batterie..) montato il tutto, pronto al GO!

    dettaglio WB sulla scheda video (avendo tolto la cornice dalla GPU, ho messo il wb più grosso! )


    ecco il mio silenziosissimo alimentatore!

    partito! il neon blu fa uno strano effetto alla mia cam

    alcune ore di gioco e temperature stabilizzate 10 gradi meno rispetto al passato con ventole.. ed il silenzio è d'oro!!

    mattino di domenica, tolgo le viti alle ventole frontali e metto i mitici rivetti in gomma; ho bucato i portafiltro per farli accomodare bene


    dettaglio delle memorie elixir (...lo so che sono c@gose...) con dissi Vantec blu

    montato la mem, notare la corsair a destra... ho provato a togliere il dissi originale, ma temevo di fare un guaio ed ho desistito; ora ho un dissi passivo vantec nel cassetto...

    ho scelto un sistema di semplice costruzione per un novizio del WaterCooling (come me), che fosse silezioso (obiettivo primario) ed esteticamente piacevole (de gustibus...)
    La pompa si può sostituire con una più potente e grossa, ma si deve installare esternamente al corpo principale che fa da vasca/radiatore (è presente anche nelle istruzione come fare l'operazione).
    Questo kit è indubbiamente più costoso di un cooler attivo ad aria high-end e probabilmente con prestazioni inferiori.
    Bhè, direi che questa prima esperienza di Watercooling è stata davvero positiva; ho raggiunto il moi scopo, silenzio e ottima estetica... (adoro il blu ).
    Per chiunque cercasse un compromesso estetico/silenzioso la configurazione che ho preso è caldamente (eheheh ) consigliata!
    Ringrazio tutti per l'appoggio!
    RED

  3. #3
    Cavaliere Romantico
    Iscritto dal
    03/09/2011
    Località
    O mia bela madunina...
    Messaggi
    2,942
    RESERATORs IN SERIE

    Eccoci quindi ad una interessante parte riguardante la possibilità di mettere una o più torri Reserator in serie, cioè una torre collegata all’altra a formare un’unico impianto.
    Il fattore che distingue questo genere di impianto, è che ci sono due pompe e due grandi vasche che vanno a riempirsi in tempi diversi e con ostacoli differenti in quanto la torre A e la Torre B alimentano l’impianto contemporaneamente.
    I concetti dei "vasi comunicanti", delle pompe in serie e della “pressione atmosferica” rientrano in questa particolare condizione; riporto quindi una serie di dati ed informazioni che ho estrapolato da differenti thread storici (si parla sempre dell’inizio 2006). Differenti persone sono intervenute nel thread originale e tutte decisamente competenti.

    Una foto e poi le mie esperienze e commento:
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-reserators_serie.jpg

    Il mio sistema è composto da:
    Reserator1.A-->Reserator1.B-->flow indicator-->WB cpu-->WB chipset-->WB gpu-->flow indicator

    Dopo l'ultimo flow indicator il tutto rientra nel Reserator1.A (vedi foto).
    Le pompe (una in ogni cilindro) sono due Eheim immerse da 300l/h.
    Le torri sono alte 55cm circa (considero solo la parte radiante alettata); se le pompe sono spente, il livello si pareggia in entrambe le vasche (vasi comunicanti); la portata dei due Reserator è pressocchè identica in quanto montano la stessa pompa.
    Il liquido si sposta dalla torre A verso la torre B;
    Durante i miei test ho voluto vedere cosa accadeva all'acqua se lasciavo i due Reserator1 scoperchiati (cioè non chiusi con il tappo con Oring, che è comunque provvisto di un piccolo foro di sfiato nel mezzo del tappo).
    L'acqua si spostava gradualmente dal Reserator1.A al Reserator1.B fino a che non vi era uno stato di bilanciamento; l'acqua raggiunge un certo livello ma non trabocca, ma solo se nelle due torri l'acqua raggiungeva un massimo di 2/3 dell'altezza.
    Ho fatto anche un'altro test, con una sola pompa accesa. Se accendevo il Reserator1.A il livello nel Reserator1.B si alzava leggermente (circa due cm); se spegnevo Reserator1.A ed accendevo il Reserator1.B, i livelli dell’acqua rimanevano quasi identici.
    Se i tappi sono aperti e le pompe sono entrambe accese, dopo 10 minuti c'è il dislivello è di circa 10cm.

    Ovviamente la cosa non andava assolutamente bene; come risolvere?
    Ho fatto un tentativo empirico: ho chiuso entrambe le torri con il proprio tappo ed ho sigillato il buchino del Reserator1.B.
    Ho aperto quindi il Reserator1.A per vedere cosa accadeva ed ho notato che L'acqua non si sopstava verso la torre B, il livello restava costante!
    A questo punto, certo dell’efficacia del sistema, ho fatto la stessa cosa con il Reserator1.A sigillando il forellino sul tappo ed il gioco è fatto!.
    L'aria, con il Reserator chiuso e sigillato, fa la differenza per la questione spostamento in quanto la pressione dell’aria consentiva al liquido di rimanere a livello costante.

    Ed ora la domanda... l'operazione che ho fatto per risolvere il trasferimento del fluido, è corretta?
    Potrebbe causare problemi?
    Come risposta riporto uno stralcio del post, scritto dall’utente FluidGuitar, che viene a spiegare il fenomeno:
    Quello che succede quando i tappi sono aperti è che, all'accensione, la pompa A trova una resistenza molto scarsa alla bocca di mandata. Questo perchè di fatto sta pompando acqua in un ambiente a pressione atmosferica e allo stesso livello geodetico della bocca di mandata.
    Quindi inizialmente la portata sarà massima e la resistenza molto bassa.
    In queste condizioni la pompa A tenderà a riempire molto velocemente il recipiente B. Però nel recipiente B c'è un'altra pompa che invece lavora all'opposto, cercando di svuotare il recipiente. Inizialmente la pompa B si troverà con un ambiente di aspirazione a pressione bassa in quanto la colonna d'acqua sarà minima. In queste condizioni la portata mandata dalla pompa B non sarà ottimale. Man mano che la pompa A riempie l'ambiente B, la pompa B sarà sempre più agevolata nello svuotamento. La situazione si evolve finchè la colonna nella vaschetta B non sarà sufficientemente alta da dare in corrispondenza della bocca A una contropressione sufficiente a far coincidere la portata mandata da A con quella mandata da B.
    Se i due recipienti sono chiusi è come se tutto il circuito fosse un recipiente in pressione. All'accensione delle pompe la pressione nel recipiente B salirà subito perchè non ci può essere espansione della colonna d'acqua (l'aria contenuta sopra il pelo del liquido si comprimerà un poco... ma nulla di che) e quindi si raggiungerà subito la condizione che nel caso precedente si raggiungeva solo dopo il trasferimento di un po' di liquido da un recipiente all'altro. Ma dal punto di vista del lavoro delle due pompe non cambia praticamente nulla.
    Possiamo anche pensarla così: la situazione che si ha a recipienti aperti, una volta raggiunto l'equilibrio dei livelli è stazionaria e la velocità nei recipienti (a parte la zona interessata dal flusso) è nulla. Quindi non si dissipa energia a tenere ferma l'acqua. L'energia si dissipa nel circuito che è lo stesso in entrambi i casi, quindi il lavoro delle pompe, a regime, è lo stesso in entrambi i casi e la stessa sarà la portata mandata. Eventuali differenze possono solo essere imputate a turbolenze che si possono instaurare in modo diverso nei due casi per motivi contingenti e dipendenti da particolari geometrie del circuito.
    Ultima modifica: 12-12-2011 alle 22:00, di RedWolfwere

  4. #4
    Cavaliere Romantico
    Iscritto dal
    03/09/2011
    Località
    O mia bela madunina...
    Messaggi
    2,942
    MANUTENZIONE Reserator 1 (versione blue) ed 1v2 (versione black)

    Considerando che in origine il prodotto Zalman Reserator 1 veniva fornito con un waterblock Zalman ZM-WB2 GOLD con top in alluminio e base in rame placcata oro, la cosa portava (vista la mancanza di utilizzo di un liquido anticorrosivo) al conseguente effetto di corrosione galvanica (vedi Cella Galvanica naturale indesiderata). L'anodizzazione, oltre ad uno scopo estetico, aveva la funzione principale di prevenire la corrosione dell'alluminio, ma non risultava sufficiente.
    Andiamo a manutenere quindi il Reserator 1 e le sue componenti.

    Qualche consiglio su come procedere per smontare completamente le torri per controllarne lo stato interno e provvedere quindi alla pulizia e manutenzione delle due pompe interne (sono vecchie pompe da immersione EHEIM compact 1000, se si hanno problemi bisogna acquistare esattamente il modello che ho indicato, cercare nei negozi di acquari online).

    Per accedere al corpo pompa si deve separare la torre dalla base, procedere in questo modo:
    1 - Svitare la base nera (supporto) dal fondo della torre.
    2 - Svitare i raccordi.
    3 - Infilare delle pinze con manico protetto (per evitare di rovinare il filetto porta-raccordo) nei due fori in modo da avere una leva su cui far forza per svitare la base dalla torre (suggerisco di bloccare la torre tenendola fra le gambe).
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-manutenzione_reserator_021.jpg

    Controllando lo stato interno della torre e base, bisogna verificare se ci sono escrescenze biancastre e dure tipo dei sassolini chiamate "fioriture" e sono punti di corrosione; se presenti, per rimuoverle completamente, si possono usare le schede telefoniche in plastica, sono abbastanza rigide e non graffiano l'anodizzazione.
    Sotto la base corrosa e le fioriture cui facevo riferimento:
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-manutenzione_reserator_008.jpgZalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-manutenzione_reserator_009.jpg

    A sinistra una base nuova ed a destra una usata senza anticorrosivo (il Reserator 1 non prevedeva l'uso di anticorrosivo da parte di Zalman all'inizio, secondo loro era sufficiente l'anodizzazione):
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-manutenzione_reserator_016.jpg

    La pompa del reserator si può rimuovere completamente, ma bisogna o tagliare il cavo di alimentazione o aprendo il tasto di accensione e sfilando il cavo attraverso il foro.
    Fatto questo si devono svitare le viti che fissano la pompa al fondo tramite una staffa in alluminio (probabilmente sarà anch'essa corrosa) e staccare appunto la pompa. Nel kit fornito ci dovrebbero essere dei tappi in alluminio in modo da chiudere il foro lasciato dove passava il cavo di alimentazione della pompa nel caso tu volessi rimuovere completamente la pompa ed usarne una esterna non immergibile (la classica laing per esempio)
    Ovviamente se usi in reserator in un'impiato tradizionale, devi sempre utilizzare liquido anticorrosivo e manutenere il tutto una volta ogni sei mesi/un anno.

    Se si possiede il waterblock Zalman originale, aprire e controllarne lo stato interno.
    Apriamo i waterblock Zalman vecchia serie; cosa serve:
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_001.jpgZalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_003.jpg
    morsa, e pinza ad apertura variabile (da tubo).

    Ed ecco i nostri wb:
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_004.jpg

    Apriamo il wb ZM-WB3.
    Il cacciavite adatto a rimuovere le viti, non ha la punta viva ma è piano; questo consente alla stella di fare presa perfettamente andado a fondo. Le viti sono molto strette, bisogna tenere il wb (senza raccordi fissati per facilitare la presa) in mano (magari con un guanto in gomma) e far girare il cacciavite con brevi colpetti all'inizio in modo da sbloccare la vite e non spanarle:
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_005.jpg

    Apriamo il wb ZM-WB2 Gold.
    Fissare la morsa per bene e la si apre in modo da accogliere i raccordi del wb; stendere uno straccio in modo da poter bloccare il wb senza graffiarlo, inserire il wb fissando i raccordi con la morsa.
    Proteggere il bordo della base del wb in modo da non graffiarlo eccessivamente (usare scotch o una superficie gommata, nelle foto non si vede perchè il mio non era avvitato a morte come in origine in quanto lo avevo già aperto). Usando la pinza da tubo opportunamente allargata, afferrare la base ruotare in senso antiorario con piccoli colpetti finchè non si svita sufficientemente da poterla aprire a mano.
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_012.jpgZalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_006.jpgZalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_007.jpgZalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_008.jpgZalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_010.jpgZalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_011.jpg

    Come si può vedere sotto, il gioco è fatto!
    Zalman Reserator 1: primo passetto verso il water cooling :)-aprire_zalmanwbs_017.jpg

    La base del ZM-WB2 non è quella dorata in quanto l'avevo fatto rifare in alluminio.
    Come anticorrosivo suggerisco di usare quello Zalman, ma qualsiasi altra marca va bene.
    Ultima modifica: 13-12-2011 alle 00:19, di RedWolfwere

  5. #5

    Iscritto dal
    13/10/2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    522
    Storia proprio XD
    A me la parte watercooling della zalman non è mai piaciuta esteticamente..

  6. #6

    Iscritto dal
    22/09/2011
    Località
    nel lontano nord est
    Messaggi
    2,035
    bhe il resetator era un figata peccato fosse in alluminio e non avessero pensato ad una camicia interna in rame ed a una pompa decente
    I'm back


  7. #7
    Cavaliere Romantico
    Iscritto dal
    03/09/2011
    Località
    O mia bela madunina...
    Messaggi
    2,942
    Appena ho un attimo, completero' il thread anche con le foto della manutenzione e qualche integrazione!

  8. #8

    Iscritto dal
    17/10/2011
    Località
    Conselice
    Messaggi
    1,145
    Nel senso che hai provato ad integrare il reseretor dentro il case di un pc?
    Il mio pc: Intel Core i7 920 D0@ 3800Mhz, Asus P6T, Corsair CMX6GX3M3B2000C9 (3*2GB), Asus EAH5870 (core@1052mhz, mem@5188mhz), OCZ Revodrive, WD15EARS, Silverstone Decathlon DA850, Asus Xonar D2, Microsoft Sidewinder X6, CM Storm, Logitech G25
    Liquid cooling: XSPC RX360, Ek NB/SB5 acetal, XSPC Razor 5870, Tecnofront Axiom, Phobya DC12-400, Ybris Oktώ Black Sun PVD Black XS-P
    Ventilazione: Solo Noctua


    Work in progress... 80% ███████████████░░░░░

  9. #9
    Admin Sezione Modding
    Iscritto dal
    26/05/2011
    Località
    Modding LAB!...prima o poi...
    Messaggi
    3,988
    Quanta acqua passata sotto i ponti... ma soprattutto negli impianti!
    Aspetto il resto del worklog, questo topic l'avevo letto nel 2009 e quindi una rinfrescata di memoria la faccio veramente volentieri.
    "La verità fa tremare la terra, le menzogne la rendono arida." Cit.

  10. #10
    Cavaliere Romantico
    Iscritto dal
    03/09/2011
    Località
    O mia bela madunina...
    Messaggi
    2,942
    Man mano che cerco, trovo delle chicche che cerco di organizzare e riordinare per rendere leggibile il tutto, Piccolo aggiornamento nel secondo post (due ore di lavoro, maronna!!!)


 

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 04:44.