+ Rispondi
Risultati da 1 a 7 su 7
  1. #1
    SilentKiller
    Iscritto dal
    24/10/2011
    Località
    Monteforte d'Alpone
    Messaggi
    557

    consiglio piccola saldatura

    Ciao, volevo chiedervi un consiglio su come procedere per una saldatura da effettuare su una scheda madre di un portatile, si è rotto il contatto centrare del jack di alimentazione femmina. Il componente l'ho già ordinato, ma si tratta di una saldatura piccola con la quale non mi sono mai cimentato. Il saldatore tramite amici dovrei recuperarlo, sarebbero 6 contatti da dissaldare e da risaldare, cosa mi consigliate di fare? procedere da solo o provare a cercare qualche centro di riparazioni che potrebbe farmi questo lavoro?

  2. #2
    Men che rookie
    Iscritto dal
    28/09/2011
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,109
    Se hai una lente, un succhiastagno, mano ferma e vista ottima potresti tentare. In realtà ti consiglio di cercare qualche centro spiegandogli la situazione, magari ti fanno pagare solo la manodopera.
    "Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura chè la diritta via era smarrita"

  3. #3

    Iscritto dal
    04/09/2011
    Messaggi
    5,399
    io ti posso solo consigliare di NON usare il succhiastagno se intorno ci sono componenti smd/molto piccoli/è un jack smd

    pazienza e scaldi in fretta le piazzole passando da una all'altra fino a quando si stacca tirando molto delicatamente con una pinzetta

    oppure cerchi di staccare i singoli pin dal corpo e li rimuovi uno ad uno molto più facilmente (ma non è detto che si possa fare)

  4. #4

    Iscritto dal
    13/10/2011
    Messaggi
    7,586
    Ci sono anche le treccioline che funzionano molto bene.
    Rimango dell' idea che si meglio portarlo da qualcuno se non hai mai usato un saldatore
    "If you can't open it, you don't own it" by Mister Jalopy

    "L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione" O. Wilde

  5. #5
    SilentKiller
    Iscritto dal
    24/10/2011
    Località
    Monteforte d'Alpone
    Messaggi
    557
    qualcuno che vuole cimentarsi all'opera tra di voi che magari abita in provincia di verona/vicenza? oppure anche a milano che ci vado ogni 2 settimane

  6. #6

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Questa realtà
    Messaggi
    1,382
    Quote Originariamente inviato da Beppe82 Visualizza il messaggio
    [...]pazienza e scaldi in fretta le piazzole passando da una all'altra fino a quando si stacca tirando molto delicatamente con una pinzetta[...]
    imho questo è il metodo
    -Cipo-
    PC:
    CM690_Liberty 500W_880GA-UD3H_Phenom II X2 550_12GB DDR3_HD6950_X-Fi_840 EVO 250GB_Velociraptor 150GB_U2410_Razer Mako
    Muletto: PC-Q07 Black - Intel D510MO - 1GB DDR2 - Caviar Green 1TB+500GB LVM - picoPSU-80 + FSP NET-36

  7. #7
    RetroCooler
    Iscritto dal
    20/12/2011
    Messaggi
    97
    Mi sono trovato nella tua medesima situazione, forse qualche consiglio posso dartelo.

    Ho eseguito lo stesso lavoro per un amico. Il connettore si era staccato ed andava risaldato nuovamente. Se non sei attrezzato, il minimo indispensabile è una stanzioncina saldante, punta a stilo, un po di stango e magari una trecciola in rame per pulire le piazzole. Se disponi di un po di flussante è meglio, ma se hai manico quello contenuto nello stagno può bastare.

    Nel mio caso, il connettore si doveva recuperare, quindi era importante che venisse dissaldato integro. Nel tuo caso, da quello che ho capito, questa è una premura superflua quindi dovrebbe esserti più semplice.

    Se non hai flussante, prima di procedere a dissaldare il connettore rotto, ti consiglio di ravvivare le saldature presenti con dello stagno, questo ti faciliterà di molto dissaldare il pezzo. Temperatura sui 315/320 (devi starci il tempo necessario). Quando cominci a dissaldarlo a seconda delle condizioni potrebbe volertici più o meno tempo, in questo caso prova ad aumentare la temperatura di un po. Per dissaldare un connettore con più di due contatti, mentre scaldi un contatto devi provare ad estrarlo da quel lato cercando di far uscire il reoforo di un po, a quel punto quando allontani il saldatore lo stagno si solidifica lasciando il connettore in quella posizione. A quel punto procedi allo stesso modo con il contatto opposto, per poi ritornare sul precedente. Facendo gioco un po alla volta dovresti riuscire ad estrarlo. Ci vuole pazienza.

    Chiaramente fare un gioco del genere non è l'ideale, ma con un'attrezzatura di base, non puoi fare diversamente. Altrimenti se vuoi un risultato scontato ti ci vorrebbe una stazioncina ad aria calda, la quale probabilmente scalderebbe molto di più l'area interessata dall'intervento, ma con il fatto che in questo modo puoi scaldare tutti i contatti contemporaneamente ed estrarre il connettore in una volta sola, lo faresti per molto meno tempo. Comunque facendo attenzione la cosa è fattibile anche così.

    La cosa che devi tenere a mente quando appoggi la punta è che il calore lo stai trasferendo, più o meno rapidamente, a tutti i componenti collegati (il modo in cui avviene questo dipende da come è fatto il circuito). Altra cosa da rammentare è che il PCB di un dispositivo così complesso è fatto di molti layer. Questi strati hanno vari collegamenti che vanno da un livello all'altro. Quando scaldi il PCB, gli strati interni di rame si dilatano. Se ci stai per troppo tempo, la dilatazione potrebbe causare la rottura delle giunture interne, in questo caso la scheda è da buttare. Anche se superficialmente non si può ravvisare nulla di anomalo, se all'interno i layer si separano, non c'è modo di rimediare. Quindi il segreto sta nel gestire bene la temperatura e le tempistiche. Non c'è una temperatura ed un tempo consigliato. È come in fotografia, diaframmi e tempi di posa variano a seconda delle condizioni e dell'effetto che vuoi ottenere così come temperature e tempistiche variano in funzione del lavoro da svolgere e di come uno è abituato. Se ti accorgi che ci stai passando troppo tempo senza concludere, è meglio fermarsi finché si è in tempo.

    Una volta estratto, pulisci le piazzole con la trecciola di rame; scaldi un pochino la piazzola (qualche secondo), poi appoggi immediatamente la trecciola con sopra la punta del saldatore e la passi per fare pulizia. Con del flussante sarebbe una sciocchezza, ma senza è fattibile lo stesso.

    A quel punto saldi il connettore nuovo. Se non sei riuscito a rimuovere completamente lo stagno dai fori passanti, mentre tenti di inserire il connettore nuovo, scaldi il foro con il saldatore per facilitare l'alloggiamento. A quel punto la tecnica da usare è identica a quella precedente, solo che adesso devi favorire l'alloggiamento del componente, un po per volta. Una volta in sede, comincia la saldatura vera e propria ed ovviamente, stagno quanto basta, superfici il più lucenti e uniformi possibili.

    P.S. A seconda delle varie fasi, potrebbe esserti in vero più utile una piccola punta a scalpello, altrimenti se troppo fine, potresti essere poco efficace nel mettere a temperatura la parte.


 

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 17:08.