+ Rispondi
Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 17
  1. #1

    Iscritto dal
    06/11/2011
    Messaggi
    7,974

    UPS di modello diverso collegati alla stessa ciabatta?

    Le domande sono 3:

    Ho già la mia opinione su ciò ma, per avere pareri esterni non mi esprimo minimamente, voglio opinioni neutre per capirci.

    Domanda n°1
    Ho a casa una moltitudine di UPS, la maggior parte sono della APC e sicuramente ad onda sinusoidale (già verificato), il mio dubbio è appunto se collegando l'uscita di ciascun UPS (tenete conto solo di quelli della APC) ad un'unica ciabatta (tralasciando il dimensionamento della ciabatta che mi arrangio) si possono utilizzare tutti quanti per "alimentare" uno stesso componente?

    Domanda n°2
    Essendo di dimensioni diverse questi UPS, anche molto diverse (2200VA, 2 da 1000VA parecchi da ->600VA) come si "comporterebbe" l'erogazione di corrente da essi?

    Domanda n°3
    Se le domande precedenti hanno come esito il "fattibile", utilizzando sia tutti gli UPS simultaneamente (faccio caricare le batterie e li scollego dalla linea elettrica) che la linea di casa per alimentare "qualcosa di grosso" (UPS+LINEA -->CARICO) secondo voi cosa succederebbe?

    Fatevi sotto, civilmente però please
    Ultima modifica: 03-05-2012 alle 23:23, di Cere

  2. #2

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    12,389
    La risposta lunga è "no", nel senso che se sono progettati bene, la cosa potrebbe semplicemente non funzionare. Se sono progettati male, si leva una fumata nera che potrebbe essere interpretata come la morte del pontefice attualmente in carica al Vaticano.

    Se vuoi aumentare l'autonomia, puoi serenamente metterli in serie (l'uscita di uno all'ingresso dell'altro), ma così come vuoi fare tu no.

    Non so che cappero ci devi fare ma se la tua idea è alimentare qualcosa che vada oltre i 3kW del contratto che hai con l'enel, e magari è qualcosa che ha un uso tanto sporadico da farti scartare l'idea di upgrade del contratto per troppi €€, ti suggerisco di comprare un generatore.
    "Motore danza - sento già - che il dolore avanza": le ultime parole registrate dalla scatola nera

    "Il vino è nemico dell'uomo; chi indietreggia davanti al nemico è un vigliacco"

  3. #3

    Iscritto dal
    06/11/2011
    Messaggi
    7,974
    Stessa risposta che mi sono dato io, sia per la diversità di putienza e di modello MA se ne collego due IDENTICI allo stesso carico teoricamente potrebbe funzionare con determinati tipi di carico, no?

    Non ho le conoscenze come le vostre in elettronica ma se i due modelli sono identici (va be, identici di modello ma non erogheranno in modo eguale, niente è perfetto e penso sia proprio qua il problema) e visto che sarebbero collegati allo stesso carico si "accenderebbero" simultaneamente, le due sinusoidali in uscita dovrebbero sovrapporsi ( più o meno) e quindi per componenti non molto sensibili a questo fatto dovrebbe andar bene no?

    P.S. Sisi, è per qualcosa di super sporadico, consideralo useless al 100%, un test @caxxeggio time per intenderci, sia per alimentare un qualcosa di più di 3Kw ma senza rifasatura non ne vedo la possibilità, sia per poter utilizzare contemporaneamente diversi componenti che insieme passerebbero abbondantemente la corrente fornita dal contatore di casa

    Il generatore già ce l'ho, a dir la verità anche più di uno in totale, è che non basterebbero tenendo conto pure dei 3KW del contatore

    ....e, a dir la verità, questo thread l'ho aperto più che altro nell'idea di trovare qualche idea malsana nei commenti

    Il resto è un segreto

  4. #4

    Iscritto dal
    04/09/2011
    Messaggi
    5,399
    no, non esiste nessun sistema di sincronizzazione in uscita quindi dopo un tempo X fumano (o entrano in protezione)

  5. #5

    Iscritto dal
    06/11/2011
    Messaggi
    7,974
    Quote Originariamente inviato da Beppe82 Visualizza il messaggio
    no, non esiste nessun sistema di sincronizzazione in uscita quindi dopo un tempo X fumano (o entrano in protezione)
    Thanks, dovrò inventarmi qualcos'altro

  6. #6
    TecnicoERMETICO riciclato
    Iscritto dal
    03/12/2011
    Località
    Monopoli
    Messaggi
    6,736
    Quote Originariamente inviato da Beppe82 Visualizza il messaggio
    no, non esiste nessun sistema di sincronizzazione in uscita quindi dopo un tempo X fumano (o entrano in protezione)
    Non dopo X,ma al massimo dopo 40 millisecondi se sei nato fortunato.
    How much is a life worth? By law,a bank guard can carry a gun to protect his employer's money.
    But a parent here can't be legally armed to protect her children outside of home. [cit]


  7. #7

    Iscritto dal
    06/11/2011
    Messaggi
    7,974
    Qualcuno ha già provato a metterci le mani sincronizzando due inverter (identici o diversi)?

    Mi interessano pareri ed esperienze, quel poco che so di elettronica l'ho imparato da autodidatta quindi penso che è meglio sparare una caxxata di troppo che farsi male

  8. #8

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    12,389
    Gli inverter sincronizzabili (esempio classico: quelli degli impianti FV) hanno un cavo apposito che li collega tra loro e fa in modo che possano sincronizzarsi, cosicché puoi usarne anche 50 in parallelo senza che questo comporti assolutamente nessun problema... feature che non possiede nessun altro dispositivo, che io sappia
    "Motore danza - sento già - che il dolore avanza": le ultime parole registrate dalla scatola nera

    "Il vino è nemico dell'uomo; chi indietreggia davanti al nemico è un vigliacco"

  9. #9

    Iscritto dal
    06/11/2011
    Messaggi
    7,974
    Quote Originariamente inviato da Darlington Visualizza il messaggio
    feature che non possiede nessun altro dispositivo, che io sappia
    Riproducibile homemade secondo te?
    Hai qualche link o libro da consigliarmi?

  10. #10

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    12,389
    No, purtroppo non ho materiale sottomano ma il concetto è che per essere messi in parallelo, le fasi devono essere perfettamente sincrone e la tensione in uscita deve essere il più possibile uguale, quindi è tutto un discorso di feedback e comunicazione tra gli apparecchi.

    Riproducibile in casa.. tutto si può fare, ma in questo caso si tratta di progettare da zero o quasi.
    "Motore danza - sento già - che il dolore avanza": le ultime parole registrate dalla scatola nera

    "Il vino è nemico dell'uomo; chi indietreggia davanti al nemico è un vigliacco"


 

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 18:00.