+ Rispondi
Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 18
  1. #1

    Iscritto dal
    22/12/2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    114

    Ricaricare batteria al Pb per induzione

    Ciao a tutti, sapete se è possibile ricaricare una batteria al piombo da 12v per induzione e usarlo contemporaneamente? Quanta potenza è necessaria?

  2. #2

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    12,392
    tanta

    devi prevedere l'assorbimento del circuito di ricarica + quello a pieno dell'oggetto che intendi usare

    Magari se spieghi in dettaglio di cosa stiamo parlando è meglio ma tieni conto che solitamente i caricatori ad induzione erogano pochissima corrente, difatti gli apparecchi che ho visto dotati di questo sistema erano tutti aggeggi da lasciare in carica tanto e usare poco, tipo rasoi o spazzolini da denti.
    "Motore danza - sento già - che il dolore avanza": le ultime parole registrate dalla scatola nera

    "Il vino è nemico dell'uomo; chi indietreggia davanti al nemico è un vigliacco"

  3. #3

    Iscritto dal
    22/12/2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    114
    Pensavo creare un robottino con dei ATMega e ATTiny, qualche motore, sensore ad ultrasuoni ed IR, ecc, da esporre alla mostra di Sperimentando: Sperimentando

    Dovrebbe muoversi continuamente per qualche ora quindi deve avere una certa autonomia (da qui la batteria al piombo e il caricatore per induzione)

    Ho trovato qualcosina qui: Wireless Power Charger!

    Se per esempio al trasmettitore collegassi le due linee da 12v (14A e 15A) di un alimentatore ATX, riuscirei a caricarlo in tempi accettabili?

  4. #4

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    12,392
    Quello è un booster.. con un'efficienza ridicola a giudicare dal dissipatore sui mosfet.

    Puoi mandargliene anche 200, di A, ma non è la corrente in ingresso che influenza quella in uscita.

    Secondo me ti conviene lasciar perdere e pensare a un caricabatterie classico, poi vedi tu.
    "Motore danza - sento già - che il dolore avanza": le ultime parole registrate dalla scatola nera

    "Il vino è nemico dell'uomo; chi indietreggia davanti al nemico è un vigliacco"

  5. #5

    Iscritto dal
    22/12/2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    114
    Però non posso stare lì finché c'è la mostra quindi ho pensato di farlo fermare ad ogni giro vicino al caricatore per qualche minuto...

  6. #6
    TecnicoERMETICO riciclato
    Iscritto dal
    03/12/2011
    Località
    Monopoli
    Messaggi
    6,760
    Invece del piombo potresti usare le litio,guadagnando in autonomia per il minore peso e la maggiore capacità.
    Ma hai fatto due conti o sono valora dati a cacchio?La seconda mi sembra più plausuibile.
    Il caricamento o comunque il trasferimento di energia "wireless" lascialo agli estimatori di Tesla.
    How much is a life worth? By law,a bank guard can carry a gun to protect his employer's money.
    But a parent here can't be legally armed to protect her children outside of home. [cit]


  7. #7

    Iscritto dal
    04/11/2011
    Località
    Svizzera-Ticino
    Messaggi
    1,871
    Quote Originariamente inviato da Darlington Visualizza il messaggio
    Quello è un booster.. con un'efficienza ridicola a giudicare dal dissipatore sui mosfet.

    Puoi mandargliene anche 200, di A, ma non è la corrente in ingresso che influenza quella in uscita.

    Secondo me ti conviene lasciar perdere e pensare a un caricabatterie classico, poi vedi tu.
    A dirla verità è un oscillatore royer e ha un efficenza molto alta poichè i mosfet lavorano in ON-OFF. Dissipano poca energia Inoltre in "uscita" ha una sinusoide pura

    Comunque quel circuito funziona molto bene, e puoi trasferire grosse correnti per induzione( a patto che le due bobine siano molto vicine) se lo dimensioni correttamente Infatti puoi utilizzarlo per il riscaldamento a induzione.

    Per le distanze, penso che l'energia trasferita è inversamente proporzonale al quadrato della distanza.
    Quindi devi tenerele due bobine a pochi cm di distanza o sennò ti servono potenze veramente elevate.

    Inoltre se ci sono parti in ferro vicino ti "rubano" parte dell'energia.

    Io ripieghere su qualcosa d'altro e più funzionale

    EDIT: Giusto per darti qualche dritta se vuoi realizzare il circuito.
    - Sui mosfet hai circa 4Volte la tensione di alimentazione, quindi dimensionali correttamente
    - I Diodi devono essere ultrafast
    - Il condensatore in parallelo all'induttanza deve essere del tipo MKP, meglio se più in parallelo. Se metti altri condensatori c'è il forte rischio di distruggerli
    - La corrente nella parte risonante L-C è veramente elevata quindi dimensiona correttamente i cavi se sali di potenza.
    - Tieni tutti i collegamenti più corti possibili

    Non mi viene in mente altro
    Ultima modifica: 27-11-2012 alle 20:27, di Bambinz

  8. #8

    Iscritto dal
    22/12/2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    114
    Grazie mille, per la distanza non c'è problema, ci metto un sensore ad ultrasuoni o IR e misuro la distanza che c'è tra il robot e il pannello e quindi si regola di conseguenza

    Poi potreste darmi anche delle dritte per trovare la posizione della base? Io avevo pensato tipo un sensore IR che segue un tracciato nero su fondo scuro (tipo pennarello indelebile su nastro adesivo) ma si potrebbe triangolare e lasciarlo andare dove vuole evitando gli ostacoli (le gambe delle persone, dei tavoli, ecc.)?
    Come sorgenti radio si potrebbe usare questi moduli (10PCS Arduino NRF24L01+ Wireless Transceiver Module | eBay) controllari da degli ATTiny?

    Quote Originariamente inviato da Bambinz Visualizza il messaggio
    - Il condensatore in parallelo all'induttanza deve essere del tipo MKP, meglio se più in parallelo. Se metti altri condensatori c'è il forte rischio di distruggerli
    - La corrente nella parte risonante L-C è veramente elevata quindi dimensiona correttamente i cavi se sali di potenza.
    Per quanto riguarda i fili quelli da 1,5mm^2 di sezione dovrebbero bastare , ma per i condensatori se metto tipo quelli elettrolitici che ci sono nel primario degli alimentatori c'è il rischio che esplodano?

    Infine un'altra domanda ancora: se ci sono in gioco potenze molto elevate (decine o centinaia di Watt) questo sistema è sicuro o rischio di friggere qualche disgraziato visitatore (perlopiù studenti delle medie e del biennio con i loro professori)?
    Ultima modifica: 27-11-2012 alle 20:51, di Conan Edogawa95

  9. #9

    Iscritto dal
    04/11/2011
    Località
    Svizzera-Ticino
    Messaggi
    1,871
    Si vaporizzano devono essere non polarizzati de del tipo MKP o FKP.

    Per 1,5mm^2 dipende da che potenza tiri fuori il circuito. Io ho misurato 150A nel circuito risonante
    Più la capacità è bassapIû la frequenza aumenta e quindi diminuisce la corrente


    Per trovare la base. Si può fare tutto, basta avere il tempo
    Te la cavi a programmare?

    PS: Lascia perdere il trasferimento senza fili, al massimo tieni una batteria di scorta e quando si scarica la cambi in 2 minuti Cosi non ti serve neache sapere la posizione. Basta che eviti le collisioni con le persone

    Comunque a ricaricare una batteria al piombo ci vuole un po di tempo, fai prima a fareil cambio a mano

  10. #10

    Iscritto dal
    22/12/2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    114
    Quote Originariamente inviato da Bambinz Visualizza il messaggio
    Per trovare la base. Si può fare tutto, basta avere il tempo
    Te la cavi a programmare?
    So programmare un po' anche se di vettori non ci capisco un'acca

    Quote Originariamente inviato da Bambinz Visualizza il messaggio
    PS: Lascia perdere il trasferimento senza fili, al massimo tieni una batteria di scorta e quando si scarica la cambi in 2 minuti Cosi non ti serve neache sapere la posizione. Basta che eviti le collisioni con le persone

    Comunque a ricaricare una batteria al piombo ci vuole un po di tempo, fai prima a fareil cambio a mano
    Il problema è che la mostra (quest'anno incentrata sul suono e sulle onde elettromagnetiche) va dal 15 aprile 2013 al 19 maggio 2013 e non posso e stare lì per uno e passa mesi di seguito

    Quanto tempo occorrerebbe per ricaricarla? Se è nell'ordine di qualche ora (si potrebbe farlo negli orari di chiusura) e non rischio di friggere nessuno opterei per questa soluzione


 

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 00:17.