+ Rispondi
Risultati da 1 a 7 su 7
  1. #1
    Fabbricante di Sogni
    Iscritto dal
    18/10/2011
    Località
    Torre del Lago Puccini
    Messaggi
    4,953

    Fotografia e Privacy: capiamoci qualcosa (?)

    Ok, apriamo questo thread per vedere dove si casca, e per integrare le nostre conoscenze in materia di privacy e trattamento dell'immagine nell'era attuale.

    Dopo aver fatto, insieme ad un collega, un corso al riguardo, del quale ho parlato in "Angolo delle chiacchiere fotografiche", sono rimasto un tantino attonito su quello che sta diventando il mio mestiere... quindi mi sono documentato, ho studiato, e voglio condividere con voi alcune delle novità che ho "capito" sul come l'Europa pretende si lavori con l'immagine.

    Primo Dogma:
    • Le fotografie, soprattutto quelle dove si vede un volto, ma non solo, sono considerabili "dati sensibili", in quanto contengono "dati biometrici", fortemente tutelati dal GPDR e dalle nuove norme al varo nel 2019
    Per trattenere e lavorare le immagini, dunque, mi devo attenere alle norme dettate dal GPDR (in quanto a conservazione e stoccaggio, a reperibilità, a obbligo di fornirne copia, a diritto all'oblio e alla cancellazione su richiesta eccetera). Va da se che devo avere un sistema sicuro documentato e autocertificato e un garante dei dati personali. Auguri.
    Ci sono inoltre limiti oltre i quali il trattenere l'immagine è, per legge, fuori legge. Anche questo è opinabile (esempio: album matrimonio consegnato a 5/6 mesi dall'evento->consegno tutte le foto agli sposi-> distruggo l'archivio per rimanere nel GPDR->per l'anniversario la sposa vuol regalare allo sposo un ingrandimento, ma ha perso la chiavetta con le foto->viene in studio->io ho cancellato->lei si incazza e io perdo la cliente, che poi farà anche cattiva pubblicità).

    Andiamo più in profondità: scatto foto ad un evento, le mando in stampa su ordine dell'ente che mi ha commissionato il lavoro. Poi viene fuori un tale che non vuole la sua foto stampata e/o pubblicata. Devo non solo distruggerla io, ma avvisare la filiera perché quella determinata foto venga cancellata e/o distrutta adeguatamente!

    Secondo Dogma:
    • Le fotografie contenenti dati sensibili non possono essere pubblicate/trattenute senza autorizzazione
    Fantastico. Come diceva Urizen di là, andiamo a fare un evento sportivo e non possiamo pubblicare se non abbiamo l'autorizzazione degli interessati. Che a tutto pensano, in una gara, meno che a noi fotografi. La scappatoia è data dall'autorizzazione in fase di iscrizione, ma, 1) non tutti potrebbero accettarla; 2) potrebbe non essere legalmente valida in quanto inserita in un contesto diverso da una normativa privacy fine a se stessa.

    Altro esempio, che esula dalla foto sportiva: sono uno street photographer. Chi fa street, non ferma, di solito, le persone ritratte. Non le mette in posa. Scatta in un contesto libero, in cui le persone si muovono liberamente. E se si dovesse fermare a chiedere a tutti l'autorizzazione, verrebbe meno il principio base della street photography, la "frugalità" degli scatti.

    Terzo Dogma:
    • anche se stai fotografando un evento mirato (esempio, matrimonio), tutti i presenti dovrebbero dare autorizzazione agli scatti e alla loro pubblicazione
    Ottimo, fantastico. Ti chiamano per fare un matrimonio. Tu conosci gli sposi e i genitori della sposa (di norma funziona così ). Nemmeno gli sposi sanno quanti invitati avranno. Quando arrivi nel luogo della cerimonia, non hai tempo per chiedere consenso; quando arrivi al ristorante, dopo le foto in location, l'80% delle persone ha già bevuto troppo e comunque non ha intenzione di leggere e firmare fogli. E, inoltre, tu stai LAVORANDO!!!
    Così, anche se stai fotografando un evento pubblico, sei vincolato alle autorizzazioni.

    Quarto Dogma:
    • le norme relative al GPDR servono a PREVENIRE il rischio, non a curarlo
    E con questo, siamo a dire che dobbiamo pensare tutto in anticipo: pianificare quali dati personali tratteremo (si, anche se supponiamo di poter fotografare per puro caso un cartellino con la foto di un gattino e la scritta "mi sono perso, se mi trovi chiama il..."); pianificare come tratteremo i fogli che faremo firmare, pianificare il livello di sicurezza con cui tratteremo e tratterremo le immagini, eccetera eccetera. Dovremmo anche documentare il movimento delle immagini, ed informare i soggetti ritratti di questi movimenti. Per tutelare sia noi che i nostri soggetti. Ah, dimenticavo: se hai un dipendente, la questione si amplifica, perché devi assicurarti che lui non porti via le foto dai tuoi sistemi...

    Fin qui, ho parlato di esempi vissuti o che mi sono stati fatti. La questione si articola diversamente se si stanno fotografando personaggi pubblici nell'adempimento delle loro funzioni o se si sta facendo giornalismo per cronaca e compagnia bella o se la diffusione di un'immagine serve a migliorare l'ordine pubblico (foto segnaletica, ad esempio). Ma nel banale quotidiano, anche fare una fototessera è un problema di Privacy!

    Al momento, le mie conoscenze sulle nuove norme si fermano qui. Non sono ancora uscito di casa e non ho potuto recuperare il materiale del corso, ma avevo questi appunti sparsi e mi son divertito a ricamarci sopra. Ora però vorrei riflettere un po'... partendo da quel che si diceva ieri riguardo la pubblicazione su flickr e compagnia...

    Come professionista, se mi appoggio ad un servizio cloud di fatturazione, e su questo servizio cloud conservo le fatture, è il servizio cloud che deve adempiere al GPDR (il materiale è sui loro server, non in casa mia). Sarà così anche per lo stoccaggio fotografico? Vediamo...

    Flickr parla di privacy in termini USA e poi specifica che se l'utente è residente UE deve attenersi alle ulteriori normative UE. Comunque, la privacy policy riguarda il fotografo (dati personali), i dati delle foto (exif, localizzazione gps eccetera) ma non mi pare parli di persone ritratte. Dice solo che il sistema utilizza tecniche di Image Recognition Technology per catalogare le foto e che i dati vengono raccolti in cookie o beacons.

    Anche 500px si riferisce alla privacy solo nei confronti del fotografo (dati personali e cura della sicurezza degli stessi e delle immagini caricate).

    E questo mi fa pensare che il carico da 11, ossia se viene fuori un problema su una lamentela alla pubblicazione, sia su chi pubblica e non su chi stocca.

    Io spero di essere stato interessante, anche se lungo. Però mi aspetto post altrettanto lunghi da voi, altrimenti che gioco è!

    Nel frattempo, mi sono esposto mandando una mail diretta all'ufficio del Garante della Privacy.
    Ogni pistola ha la sua voce... e questa la conosco...

  2. #2

    Iscritto dal
    13/12/2011
    Località
    Salento!
    Messaggi
    6,761
    90 minuti di applausi per il post

    Inviato dal mio gatto utilizzando Tapatalk

  3. #3
    Fabbricante di Sogni
    Iscritto dal
    18/10/2011
    Località
    Torre del Lago Puccini
    Messaggi
    4,953
    Quote Originariamente inviato da xam8re Visualizza il messaggio
    90 minuti di applausi per il post

    Inviato dal mio gatto utilizzando Tapatalk
    Grazie xam, sei un amico!

    Ogni pistola ha la sua voce... e questa la conosco...

  4. #4
    Fabbricante di Sogni
    Iscritto dal
    18/10/2011
    Località
    Torre del Lago Puccini
    Messaggi
    4,953
    Attenzione. Ho appena ricevuto informazioni sicure e certe riguardo la normativa (grazie a due carissime amiche avvocato che mi hanno fornito reale documentazione).

    Passerò la notte a studiare (tanto col figliolo malato non si dorme) e vedrò di tradurre in Techarenese .

    Da una lettura preliminare, pare non ci siano i vincoli di tempo che ci hanno "raccontato" al corso, mentre rimane la cura per il dato biometrico. E rimane sempre l'obbligo di cancellazione su espressa richiesta. Beh, ci sentiamo più tardi...
    Ogni pistola ha la sua voce... e questa la conosco...

  5. #5
    Fotografante
    Iscritto dal
    15/12/2011
    Messaggi
    4,604
    Quote Originariamente inviato da grumble Visualizza il messaggio
    Attenzione. Ho appena ricevuto informazioni sicure e certe riguardo la normativa (grazie a due carissime amiche avvocato che mi hanno fornito reale documentazione).

    Passerò la notte a studiare (tanto col figliolo malato non si dorme) e vedrò di tradurre in Techarenese .

    Da una lettura preliminare, pare non ci siano i vincoli di tempo che ci hanno "raccontato" al corso, mentre rimane la cura per il dato biometrico. E rimane sempre l'obbligo di cancellazione su espressa richiesta. Beh, ci sentiamo più tardi...
    Aspettiamo l'aggiornamento...

    In bocca al lupo per il piccolo grumbletto...

    SI RIPARTE! PARTECIPATE!
    Curiosità uccide il gatto ma lo rende feeeeeliiice!!!



  6. #6
    Fabbricante di Sogni
    Iscritto dal
    18/10/2011
    Località
    Torre del Lago Puccini
    Messaggi
    4,953
    Quote Originariamente inviato da Buster Visualizza il messaggio
    Aspettiamo l'aggiornamento...

    In bocca al lupo per il piccolo grumbletto...
    Sintesi: non esiste il termine che ci hanno sviolinato al corso. Le foto possono essere trattenute a meno che sia fatta esplicita richiesta di cancellazione. Probabilmente, il termine che ci hanno riferito riguarda i laboratori che trattengono le foto dei clienti post consegna stampe, ma non i fotografi.
    Rimane il fatto che foto=dato biometrico, quindi da considerare e proteggere come tale. Appena ritaglio più di tre minuti di tempo posto anche gli stralci di legge

    P.S. oggi, tra un lavoro e l'altro, farò un paio di foto per il tema di gennaio... Speriamo... (Nella possibilità di farle e nella buona riuscita fotografica). Tanti auguri a me...
    Ogni pistola ha la sua voce... e questa la conosco...

  7. #7
    Fotografante
    Iscritto dal
    15/12/2011
    Messaggi
    4,604
    Quote Originariamente inviato da grumble Visualizza il messaggio
    Sintesi: non esiste il termine che ci hanno sviolinato al corso. Le foto possono essere trattenute a meno che sia fatta esplicita richiesta di cancellazione. Probabilmente, il termine che ci hanno riferito riguarda i laboratori che trattengono le foto dei clienti post consegna stampe, ma non i fotografi.
    Rimane il fatto che foto=dato biometrico, quindi da considerare e proteggere come tale. Appena ritaglio più di tre minuti di tempo posto anche gli stralci di legge

    P.S. oggi, tra un lavoro e l'altro, farò un paio di foto per il tema di gennaio... Speriamo... (Nella possibilità di farle e nella buona riuscita fotografica). Tanti auguri a me...
    Quindi in sostanza come pensavo... Una emerita stronzata...
    ottimo

    EDIT

    SI RIPARTE! PARTECIPATE!
    Curiosità uccide il gatto ma lo rende feeeeeliiice!!!




 

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 14:06.