+ Rispondi
Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 22
  1. #1

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Rosà
    Messaggi
    1,336

    [Tecnica] Still life in multiscatto

    [Tecnica] Still life in multiscatto-still-life-zorki-blu.jpg

    Premetto che questo è un metodo che mi piace seguire nello still life, lungi dall'essere regola e o corretto.

    Per chiunque voglia approfondire consiglio di seguire un corso con Ludovico Fossà.

    Consigli e critiche sono accette.

    Partiamo col set di ripresa, del quale non ho vere e proprie immagini ma cerco di descriverlo il più possibile.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-set-1.jpg

    Da questa immagine si nota la presenza di un solo flash a torcia dietro ad un foglio semitrasparente. Questo "telo" non è altro che dell'heavy frost della Lee filters. Sostenuto da un palo e due stativi. Sul flash c'è una parabola, circa di una trentina di centimetri di diametro. L'insieme di flash, parabola, stativi e heavy frost lo chiamo "bank" di luce. E' molto utile in quanto il flash può essere spostato in qualsiasi posizione (altezza, distanza e inclinazione), regalando sul soggetto un vero e proprio gradiente di luce. Cosa che un flash col softbox non potrebbe fare così facilmente.

    Alternative? Si certo. Il flash può essere sostituito da una luce continua di qualsiasi genere. Attenzione però a quelle che scaldano molto. L'heavy frost invece può essere sostituito da carta da forno (meno omogenea della precedente ma più resistente al calore) oppure da carta da lucido. In commercio poi si trovano stativi a bassissimo costo.

    La moka (poi vedrete la fotocamera) è sollevata dal tavolo tramite un semplicissimo oggetto di plastica nera, ad esempio per la zorki con un dispenser di salviettine da bar. Questo perché? Perché appoggiando sul tavolo direttamente il soggetto, su di esso verrà riflessa la luce del foglio bianco o del foglio di plexi un questo caso. Su di un oggetto lucido si nota subitissimo la presenza del foglio. Siccome sono io che voglio decidere quali zone illuminare, come e perché, meglio evitare qualsiasi fonte di disturbo, persino questa. Ma il rialzo ha pure un'altra funzione: se un oggetto è appoggiato al tavolo, difficilmente potrò illuminarlo nella sua interezza. Da "capo a coda". In questo modo ho quei dieci-quindici centimetri che mi permettono di illuminare perfettamente il soggetto.

    La fotocamera poi è posizionata frontalmente al soggetto. Ad una distanza che permetta di passarci agilmente davanti per un motivo che vi spiego più avanti.

    Di FONDAMENTALE IMPORTANZA in still life è il treppiede e il tavolo. Usate un tavolo SOLIDISSIMO, pesante. Un tavolo solido manterrà fermo il soggetto anche se sopra ci appoggerete un foglio o ci sbatterete contro con uno stativo. Stessa medesima cosa per il treppiede. Più pesante è meglio manterrà ferma la macchina. In questo caso sarebbe migliore l'uso di uno stativo colonna da svariati kg di peso, ma il suo costo sovrasta quello dell'intera attrezzatura. Ho in mente di costruirmene uno comunque...

    Altra cosa: durante la sessione di foto sarebbe meglio non toccare la macchina, quindi usare l'acquisizione diretta o lo scatto remoto. Una volta impostato diaframma, iso e tempi quelli restano. Meglio se impostate una MAF manuale, su di un punto fisso. Queste precauzioni servono più che altro in fase di post produzione, in modo da avere foto perfettamente allineate. Altrimenti si perde molto tempo ad allineare i fotogrammi.

    Facciamo conto che un set basetta può essere rappresentato dal seguente disegno:

    [Tecnica] Still life in multiscatto-04a.jpg

    PRIMA FOTO

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-1.jpg

    Nella prima foto si nota come la macchina sia illuminata sulla sinistra. Il flash si trova rialzato rispetto al soggetto e un pelino arretrato. Sulla macchina ho ombre morbide e alcuna particolari in evidenza (come gli spigoli e le ghiere).
    Questa sarà la foto base, su questa aggiungerò di volta in volta altri fotogrammi.

    SECONDA FOTO

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-2.jpg

    In questa seconda foto si nota come la parte destra della fotocamera sia più chiara della precedente, ma al contempo la luce del flash ancora sulla sinistra.
    Il flash rimarrà in quella posizione per tutto il tempo. Sfrutterò infatti il potere riflettente di alcuni pannelli per "dipingere" di luce letteralmente le zone che voglio mettere in risalto.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-set-2.jpg

    Mi scuso se ogni volta uso la moka, ma queste immagini ho. Il pannellino può essere auto costruito con della stagnola, oppure uno recuperato per le vaschette del cibo in alluminio.
    Orientato nelle maniera opportuna regalerà splendidi particolari.

    Ora apro le due foto dando ad ognuna metà schermo:

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-3.jpg

    Seleziono la seconda foto e la trascino sulla prima.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-4.jpg

    Viene creato quindi in automatico un secondo livello, contenente la seconda foto, che andrò ad allineare alla prima. Ora faccio uno zoom del 2-3-400% su di un particolare, molto chiaro e definito.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-5.jpg

    Seleziono il secondo livello, ossia quello contenente la seconda foto, e gioco con l'opacità impostandola al 50%. Se le foto sono perfettamente allineate, cliccando sull'occhietto (quindi rendendo visibile o meno) del secondo livello non si dovrebbero notare disallineamenti tra le foto. Se così non fosse, la seconda foto si può spostare chirurgicamente grazie alle freccette della tastiera. Un disallineamento di un pixel non fa male comunque.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-6.jpg

    Molto più complicato correggere delle rotazioni (ad esempio la testa ha ceduto e la fotocamera è ruotata). Però si può rimediare selezionando il livello ruotato e cliccando sul menù MODIFICA e poi su TRASFORMAZIONE e infine su RUOTA. Su Photoshop CS5 ci dovrebbe essere il comando "ALLINEA", ma preferisco usare le freccette. Le foto non solo allineate come potete vedere, dunque devo muoverle con le freccette.

    Da qui l'importanza di avere prima un buon tavolo, secondo un buon cavalletto o colonna, terzo di non toccare la macchina. Queste foto sono state acquisite direttamente con lightroom, figuratevi se veniva toccata la macchina ad ogni scatto!!!

    Una volta fatto ripristino l'opacità originale e mi porto al 50% di zoom.

    Rinomino il secondo livello come "Luce sx". In un lavoro così è sempre meglio rinominare i livelli, onde evitare di andare alla pazza ricerca di un determinato particolare.
    Ultima modifica: 20-02-2012 alle 11:52, di G-Baby
    Hidden in the dark side of the moon.

  2. #2

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Rosà
    Messaggi
    1,336
    DIPINGIAMO CON LA LUCE

    Ora inizia la vera e propria parte "pittorica".

    Seleziono il livello 2 appena rinominato in "Luce sx, in basso a destra, nella paletta dei livelli clicco su "AGGIUNGI MASCHERA VETTORIALE". Il pulsante a forma di rettangolo con un cerchio all'interno.
    Comparirà, nel livello selezionato, un quadratino bianco con una catena a fianco dell'icona livello.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-7.jpg

    Fintanto che questo quadratino resta bianco, tutto il livello è visibile. Seleziono ora lo strumento secchiello e il colore nero.
    Se clicco sull'immagine il quadratino diventerà nero, e il livello diventa invisibile:

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-8.jpg

    Prendo ora lo strumento pennello, di una dimensione adeguata (500 px) e di bassissima durezza. Seleziono il colore bianco.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-9.jpg

    Ora, con pennellate decise, metto in evidenza le zone del fotogramma nascosto, delle quali mi interessa mantenere le parti in quanto "illuminate":

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-10.jpg

    Più il pennello è meno duro più passate devo impiegare per mettere in evidenza le zone pennellate. In questo frangente si rivelerebbe utile una tavoletta grafica.
    Una volta terminato di "dipingere" noterete che il quadratino della maschera vettoriale (o di livello) è bianco nelle zone in cui si è dipinto.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-11.jpg

    Ho messo in evidenza tutta la trama dell'impugnatura, parte dell'anello della baionetta, la plastica inferiore e gli spigoli superiori. Non dimenticatevi che anche in questo caso si può giocare con l'opacità di livello per rendere meno incisivo un livello rispetto agli altri, regalandoci infinite possibilità di combinazione.

    Altra foto con il pannellino in un'altra posizione per illuminare un secondo particolare e il procedimento si ripete.

    Alla fine, una decina di scatti dopo, ma solo otto utilizzati, ottengo questo effetto:

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-12.jpg

    A questo punto è comodo creare un gruppo di livello, nel quale metto le foto precedenti.
    Posso duplicare il livello e unirlo, in modo da preservare tutti i livelli precedenti e lavorare in un unico livello chiamato "Zorki illuminata".

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-13.jpg

    Aggiungo ad esempio un livello di regolazione dell'esposizione per aumentare un pochino l'esposizione. Per far si che il livello di regolazione agisca solo nel livello "Zorki illuminata" clicco su quel pulsante con due cerchi sovrapposti nella paletta delle regolazioni. Potrei applicare mille altri effetti a questo punto.
    Ultima modifica: 20-02-2012 alle 12:25, di G-Baby
    Hidden in the dark side of the moon.

  3. #3

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Rosà
    Messaggi
    1,336
    SCONTORNO E NUOVO SFONDO

    La parte di scontorno può risultare noiosa e un pelo complicata. Sopratutto per chi, come me, ha appena imparato ad usare lo strumento PENNA.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-14.jpg

    Lo strumento penna consente di creare un tracciato continuo tramite due leve: se selezionate entrambe fanno compiere una curva al tracciato, se selezionata una solo un angolo retto. Per selezionare una sola leva basta premere ALT sulla tastiera. Si può posizionare preventivamente tutti i punti e poi modificarli, oppure procedere man mano alla definizione del tracciato. Non sono molto esperto di questo strumento comunque.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-15.jpg

    Una volta terminato il contorno, nella terza paletta in basso a destra (la stessa dei livelli) selezioniamo il menù TRACCIATI.
    Qui è presente il tracciato come se fosse un livello. Rimarrà sempre qui a meno che non lo si elimini. E' molto comodo!!! Infatti posso sempre modificare uno dei livelli precedenti, rifare il livello unico e avrò sempre il tracciato a disposizione!

    Tasto desto sull'icona del tracciato e clicco su CREA SELEZIONE.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-16.jpg

    Nel menù che compare ho sempre messo 1 pixel, però dipende da come siete abituati.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-17.jpg

    Si conferma ed ecco che compare la selezione. A questo punto possiamo trascinare l'immagine in un altro documento, come ad esempio uno sfondo bianco, colorato, reale o digitale:

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-18.jpg

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-19.jpg

    A questo punto al soggetto manca qualcosa: l'ombra!
    Si ritorna al set e si compiono i seguenti passaggi:
    • cercando di mantenere il più possibile posizioni e inclinazioni originali si rimuove il sostegno e si appoggia il soggetto direttamente sul tavolo.
    • Si abbassa, sempre cercando di mantenere la macchina parallela alla posizione originale, la fotocamera dello stesso valore di quanto abbassato il soggetto.
    Per cui, se il soggetto era su un supporto da 15 cm, anche la macchina deve abbassarsi di 15 cm.
    Si tirano via heavy forst e parabola, si monta sul flash un soft box.

    Fotografo l'ombra.
    Ultima modifica: 20-02-2012 alle 12:55, di G-Baby
    Hidden in the dark side of the moon.

  4. #4

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Rosà
    Messaggi
    1,336
    OMBRA

    Quando è possibile è sempre meglio fotografare quella reale.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-20.jpg

    Qui ho un pochino alzato la potenza del flash, in modo da bruciare il bianco (non tutto) e per ottenere un'ombra marcata.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-21.jpg

    La importo nella composizione finale e, col trucchetto dell'opacità la allineo. Purtroppo spostando entrambe le fotocamere sono andato fuori di parecchio .

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-22.jpg

    Non importa, basta solo che la fascia inferiore sia allineata: con MODIFICA e poi su TRASFORMAZIONE LIBERA tento di allineare alla bene e meglio il bordo inferiore.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-23.jpg

    A questo punto, dalla paletta dei livelli seleziono il livello appena importato dell'ombra. Appena sotto "livelli" c'è un menù riportante "normale", imposto MOLTIPLICA.
    Moltiplica è un metodo di fusione che rende trasparente il bianco, il grigio in maniera minore mentre il nero no.

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-24.jpg

    E' così che elimino la maggior parte delle cose con non mi interessano!
    Altro giro di maschera di livello, colore nero e pennello bianco per dipingere l'ombra:

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-25.jpg

    Un livello di regolazione per renderla un pochino più presente:

    [Tecnica] Still life in multiscatto-zorki-26.jpg

    Ed ecco ottenuta l'immagine finale.
    Ovviamente questi sono dei passaggi che ho rifatto, l'immagine iniziale è migliore.

    Critiche sono ben accette, come ripeto è un metodo.
    Ultima modifica: 20-02-2012 alle 13:34, di G-Baby
    Hidden in the dark side of the moon.

  5. #5

    Iscritto dal
    17/10/2011
    Località
    Conselice
    Messaggi
    1,145
    Seguo interessato
    Il mio pc: Intel Core i7 920 D0@ 3800Mhz, Asus P6T, Corsair CMX6GX3M3B2000C9 (3*2GB), Asus EAH5870 (core@1052mhz, mem@5188mhz), OCZ Revodrive, WD15EARS, Silverstone Decathlon DA850, Asus Xonar D2, Microsoft Sidewinder X6, CM Storm, Logitech G25
    Liquid cooling: XSPC RX360, Ek NB/SB5 acetal, XSPC Razor 5870, Tecnofront Axiom, Phobya DC12-400, Ybris Oktώ Black Sun PVD Black XS-P
    Ventilazione: Solo Noctua


    Work in progress... 80% ███████████████░░░░░

  6. #6

    Iscritto dal
    24/10/2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    9,260
    che spettacolo, grazie.

  7. #7

    Iscritto dal
    26/05/2011
    Località
    Lugano, Svizzera
    Messaggi
    21,389
    Qua siamo miglia e miglia oltre ogni mia remota possibilità, complimenti G
    Verità #10 | Viva l'unto, reale o presunto

  8. #8

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Rosà
    Messaggi
    1,336
    Quote Originariamente inviato da fiore87 Visualizza il messaggio
    Seguo interessato
    Quote Originariamente inviato da MainThink Visualizza il messaggio
    Qua siamo miglia e miglia oltre ogni mia remota possibilità, complimenti G
    Quote Originariamente inviato da Luigi Visualizza il messaggio
    che spettacolo, grazie.
    Mah! Aspettate che finisco, magari viene fuori un pocio!
    Hidden in the dark side of the moon.

  9. #9
    Natural Rage
    Iscritto dal
    02/10/2011
    Località
    Venezia-Roma
    Messaggi
    2,585
    Ecco la differenza tra uno che sa fare le cose e un noob come me che cercava di fare tutto con uno scatto singolo muovendo la luce all'impazzata

    Quote Originariamente inviato da G-Baby Visualizza il messaggio
    Mah! Aspettate che finisco, magari viene fuori un pocio!
    Beh, sta venendo molto bene, ti seguo interessatissimo

    i7 6700K - ga-z170mx-gaming 5
    gtx 1060 6Gb - 32Gb 2400 - Samsung 256gb 850 EVO

  10. #10

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Rosà
    Messaggi
    1,336
    Ok finito, magari ritoccherò qualcosina appena mi accorgo degli errori..
    Hidden in the dark side of the moon.


 
+ Rispondi
Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 04:06.