+ Rispondi
Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 14

Discussione: [GUIDA] Argyll

  1. #1
    Zelda Graphic
    Iscritto dal
    23/10/2011
    Località
    Mori - TN
    Messaggi
    1,417

    [GUIDA] Argyll

    Visto che l'argomento è di interesse e se n'è discusso parecchio in questi giorni vi propongo una piccola guida riassuntiva sulla calibrazione e profilazione del monitor tramite il software Open Source Argyll

    Argyll Color Management System Home Page

    Il sw è un po' particolare e non facilissimo visto che va eseguito da terminale o prompt, esistono delle GUI come dispcalGUI che facilitano alcune operazioni ma lascio a voi sperimentare visto che mi sono sempre trovato bene con la versione "nuda e cruda" del sw

    dispcalGUI
    Untitled Page

    Come dicevo il sw va eseguito da terminale o prompt e per tanto è necessario installare il programma in un certo modo, non è un eseguibile o un pacchetto già pronto, per le varie installazioni su Win e Mac (c'è anche per linux) vi rimando alle FAQ del programma, e alla guida di Boscarol per l'installazione su OSX

    Argyll Installation on Microsoft Windows
    Andrea Olivotto's Home Page | Appunti di fotoritocco | Profilazione monitor con Argyll e Spyder3
    Argyll Installation on Apple OS X
    Argyll: installazione su Mac OS X | colore digitale blog

    Evito di dilungarmi sull'installazione che per quanto non usuale è abbastanza facile seguendo le guida, ci sono riuscito io ... idem per installare i driver ... su osx per esempio argyll riconosce automaticamente il mio sensore i1d2, su win xp mi pare che vada associato alla periferica il driver che trovate nel pacchetto di Argyll ma non ricordo bene sono anni che lavoro su OSX ... passiamo per cui alle operazione di calibrazione e profiliatura del nostro display

    IMPORTANTE 1: non si calibra MAI un monitor a freddo! anche se il monitor è a led è necessario fa "stabilizzare" il più possibile il monitor prima della calibrazione!
    IMPORTANTE 2: quello che riporto qui di seguito non è tutta farina del mio sacco ma è un'estrapolazione di varie discussione e articoli letti sul forum di PhotoActivity in particolare di un thread dove un utente moderatore ha messo a disposizione la sua procedura di calibrazione e profilazione, che vi rimando qui di seguito e che integrerò con eventuali immagini e spiegazioni per chi ovviamente non ha esperienza col sw.

    PhotoActivity Forum - Eizo S1931+gretagmacbeth eye1 display lt=[!!]

    Per prima cosa va regolato e calibrato in 2 step il monitor secondo dei parametri ben precisi:
    dispcal -v -yl -t 6500 -gl -qu -H calibrazione > il comando dispcal individua la sonda ed inizia la procedura di calibrazione, trovate sulle faq di Argyll la funzione di ogni parametro, in questo caso i 2 più importanti sono "-yl" per LCD, mentre sarebbe "-yc" per CRT ed il parametro "-H" che attiva high resolution spectral mode utilizzabile SOLO per gli spettrofotometro compatibili, come per esempio il ColorMunki ... chi ha un colorimetro omette questo parametro "calibrazione" è il nome del file .cal potete dargli quello che volete basta che lo manteniate nelle operazioni successive

    Lanciato il comando vi ritroverete con questa schermata di fronte (ovviamente sulla patch quadrata ci sarà il vostro sensore che ovviamente non vedete dallo screen
    [GUIDA] Argyll-schermata-07-2456119-alle-15.41.37.png

    Di queste 7 operazioni possiamo eseguirne solamente due, la 2 e successivamente la 7
    la 2 ci servirà per regolare il monitor e dovremo cercare di raggiungere la luminosità desiderata (che vi ricordo va impostata tra i 120 e i 130 cm/mq) e se consentito dalle impostazione del monitor, andranno regolati i singoli canali R - G - B fino al raggiungimento del DeltaE il più possibile =0 ... ripeto il più possibile!
    [GUIDA] Argyll-schermata-07-2456119-alle-15.49.03.png

    Come vedete qui sopra il mio iMac come luminosità c'è come DE non tanto ma è normale, sull'iMac non posso regolare il RGB

    Finita l'operazione - che vi raccomando fate con calma e verificate bene quanto detto sopra, non abbiate fretta! - premiamo "barra spazio" come leggete e proseguiamo con il 7 ... e qui mettetevi comodi che inizia la calibrazione vera e propria ... e durerà un bel po' misurera una serie infinita di patch
    [GUIDA] Argyll-schermata-07-2456119-alle-15.53.25.png

    Evitate di spostare il sensore, far partire screensaver o quant'altro ... è un'operazione abbastanza delicata che va fatta per bene sun un display pulito senza patacche o ditate una volta terminato seguiamo le operazioni a schermo e possiamo terminare il procedimento premendo 8, ovvero exit

    Ora il monitor è sì calibrato ma NON profilato e il profilo si crea su un "target" che costruiremo fatto di oltre 800 patch (modificabile, basta impararsi i parametri, ma io mi sono sempre trovato bene così):
    targen -v -w -d3 monitor > ripeto cambiando i parametri che trovate nelle faq è possibile creare target di tutti i tipi, questo contiene 836 patch e da risultati molto buoni, "monitor" è il nome del target ed anche in questo caso potete modificarlo a piacere.

    Fatto il target dobbiamo ora farlo leggere ad argyll misurando le varie patch tramite la calibrazione appena effettuata, in modo da ottimizzare ed affinare il processo di calibrazione:
    dispread -v -yl -k calibrazione.cal -H monitor > al solito -yl o -yc per LCD o CRT, -H per high resolution spectral mode degli spettrofotometri come eye one pro o ColorMunki. "calibrazione.cal" richiama il file di calibrazione creato poco fa (se avete cambiato nome, mi raccomando non sbagliate); idem "monitor" richiama invece il target.

    Siamo quindi arrivati alla creazione del profilo:
    colprof -v -qh -ni -no -al monitor > in questo caso "monitor" ci riferisce al nome che darete al profilo .icc ma mi raccomando non potete modificare questo nome, non so per quale motivo ma il target e il profilo devono avere lo stesso nome!

    Non inserisco immagini di questi ultimi 3 passaggi e nei prossimi perchè sono abbastanza ovvi, ad esclusione di dispread che legge le patch del target gli altri due non fanno niente di ... visibile ei successivi idem

    Fatto tutto ciò vi ritroverete con un profilo colore calibrato sul vostro monitor, che si chiamera ... nel caso del nostro esempio ... monitor.icc

    Ora la domanda sorge spontanea: come faccio ad avere la prova che questo profilo è corretto? a questa domanda non c'è risposta perchè dipende dalla qualità delmonitor l'unica cosa che possiamo verificare e quanto bene il nostro profilo riproduce determinati colori ... tramite un parametro che abbiamo già citato che si chiama DeltaE e che in poche parole ti dice quanto è vicino quel colore ai suoi valori CIE

    Per verificare il profilo basta eseguire questo comando:
    profcheck -v -k -w monitor.ti3 monitor.icc >> profcheck_monitor.log > che in sostanza crea un log con il confronto dei valori appunto CIE del target con i valori impostati sul profilo più il valore medio è basso, meglio è, ma ripeto ha più una validità statistica questo metodo che un vero e proprio test di qualità

    Su può fare poi una verifica più accurata (se avete tempo e voglia) utilizzando un target differente, creato appositamente:
    targen -v -w -d3 -e 1 -g 32 -f 320 -r check_monitor > target da 320 patch di cui 32 sulla scala di grigi e le altre rgb random

    Dopo di che si misura:
    dispread -v -k calibrazione.cal -yl -H check_monitor > per cui misuriamo il nuovo target con il solito calibrazione.cal occhio al parametro -H solito

    E infine testiamo il profilo:
    profcheck -v -k -w check_monitor.ti3 monitor.icc >> profcheck_monitor_test.log

    Mi sembra più o meno tutto
    Vi ricordo che mentre su osx una volta ottenuto il profilo basta impostarlo da colorsynk su win è un po' più complicato fare in modo che il profilo venga caricato all'avvio (almeno su xp) per cui va creato un file da mettere in esecuzione automatica:

    Creiamo un file chiamato CaricaLut.bat (che va messo nella cartella "bin" di Argyll, insieme al profilo creato) e da blocco note inseriamo all'interno dispwin monitor.icc
    Creiamo poi un collegamento di questo file appunto nella cartella:
    C:\Documents and Settings\All Users\Menu Avvio\Programmi\Esecuzione automatica

    Per chi ha due monitor, anche identici, ovviamente vanno fatte 2 calibrazioni ad hoce e va usato il parametro "-d 1" o "d 2" il parametro va ovviamente inserito solo nei comandi in cui si fanno misurazione

    Vi consiglio comunque infine di leggere il thread di PhotoActivity che vi ho linkato da cui ho estrapolato questa procedura che ci sono info interessanti anche per visualizzare graficamente i profili creati

    Vi lascio che calibro anch'io il mio iMac che ne ha bisogno
    Ultima modifica: 10-07-2012 alle 17:11, di Pana!
    Zelda Graphic on Flickr

  2. #2
    Fabbricante di Sogni
    Iscritto dal
    18/10/2011
    Località
    Torre del Lago Puccini
    Messaggi
    5,363
    Bella guida, Pana!
    Ogni pistola ha la sua voce... e questa la conosco...

  3. #3

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    non ricordo
    Messaggi
    5,383
    Grande Pana! guida molto interessante.
    Lavoro da fare prima possibile.

  4. #4

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Questa realtà
    Messaggi
    1,382
    Pella Pana, prima o poi ci provo

    appena avrò un calibratore
    -Cipo-
    PC:
    CM690_Liberty 500W_880GA-UD3H_Phenom II X2 550_12GB DDR3_HD6950_X-Fi_840 EVO 250GB_Velociraptor 150GB_U2410_Razer Mako
    Muletto: PC-Q07 Black - Intel D510MO - 1GB DDR2 - Caviar Green 1TB+500GB LVM - picoPSU-80 + FSP NET-36

  5. #5

    Iscritto dal
    24/10/2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    9,260
    grazie giul ben fatto....

  6. #6
    Fotografante
    Iscritto dal
    15/12/2011
    Messaggi
    5,003
    Mitico Prof! Grazie mille!

    SI RIPARTE! PARTECIPATE!
    Curiosità uccide il gatto ma lo rende feeeeeliiice!!!



  7. #7

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    non ricordo
    Messaggi
    5,383
    Quote Originariamente inviato da Pana! Visualizza il messaggio
    Per prima cosa va regolato e calibrato in 2 step il monitor secondo dei parametri ben precisi:
    dispcal -v -yl -t 6500 -gl -qu -H calibrazione > il comando dispcal individua la sonda ed inizia la procedura di calibrazione, trovate sulle faq di Argyll la funzione di ogni parametro, in questo caso i 2 più importanti sono "-yl" per LCD, mentre sarebbe "-yc" per CRT ed il parametro "-H" che attiva high resolution spectral mode utilizzabile SOLO per gli spettrofotometro compatibili, come per esempio il ColorMunki ... chi ha un colorimetro omette questo parametro "calibrazione" è il nome del file .cal potete dargli quello che volete basta che lo manteniate nelle operazioni successive
    Sulla documentazione di Argyll dicono che il Colormunki non è compatibile con l'opzione -H

  8. #8
    Zelda Graphic
    Iscritto dal
    23/10/2011
    Località
    Mori - TN
    Messaggi
    1,417
    credo che il parametro -H funzioni solo con lo spettrofotometro Eye One Pro che non so nemmeno se è più in commercio, ai tempi era il medllo di punta, il bundle completo per la calibrazione di stampanti ed altre periferiche costava cifre improponibili
    Zelda Graphic on Flickr

  9. #9

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    non ricordo
    Messaggi
    5,383
    Beh non è indispensabile, tanto immagino che comunque si otterranno risultati migliori del software in dotazione.
    Resta da capire se mettendo comunque quel parametro succede qualcosa o meno.
    Grazie

  10. #10

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    non ricordo
    Messaggi
    5,383
    Quote Originariamente inviato da Pana! Visualizza il messaggio
    dispcal -v -yl -t 6500 -gl -qu -H calibrazione
    Pana, se non sbaglio il parametro q consente la scelta sulla qualità e come tale i parametri sono l, m o h quindi non capisco da dove sbuca fuori quel qu.
    Forse volevi scrivere qh?


 

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 23:51.