+ Rispondi
Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 26
  1. #1

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    8,279

    Conversione scaldacqua metano -> GPL?

    Mi balenava in testa un'idea

    Io ho uno scaldabagno Junkers abbastanza recente, che da qualche anno giace inutilizzato (per la precisione da quando ho killato l'allacciamento col metano passando a pellet )

    Attualmente uso uno scaldabagno elettrico temporizzato, che scalda l'acqua di notte.

    Se io volessi modificare lo scaldabagno a metano ed alimentarlo tramite una bombola di GPL, sarebbe tecnicamente possibile?

    Ho la documentazione tecnica in cui si dice chiaramente che alimentarlo a GPL è possibile, ma non specificano se è fattibile anche tramite le classiche bombole oppure solo tramite la rete di fornitura GPL o il bombolone; non ho idea di cosa cambi, né delle pressioni richieste (mi pare voglia almeno 30 mbar)

    Ovviamente quando ai tempi chiesi ai "professionisti del settore" mi risposero che non era possibile!!!! bisogna cambiare scaldabagno!!!!!! e poi allacciare due bombole!!!!!!!!!! (e perché poi?) ed innestare un polarizzatore di flusso quantico!!!!!!!!1111!!one!!! il tutto per la modica cifra di tremilaepassaeuro, alché li ho gentilmente mandati al diavolo

    Ora la domanda torna persistente... ammesso che la cosa convenga... perché se mi svuota una bombola alla settimana, rimango a corrente e spendo meno


    Quando la passione incontra la follia e l'amore, nasce un Citroënista. [cit.]

  2. #2

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    non ricordo
    Messaggi
    5,025
    Per passare da metano a gpl devi modificare la "carburazione" miscelazione aria gas...cosa fattibile da qualunque termotecnico.
    La doppia bombola serve per non restare in panne e fare andare la caldaia in blocco.
    Spesso però non sono gestite con valvole automatiche che quando finisce una si attiva l'altra...quindi andrebbe in blocco comunque.
    Poi se non fai un sistema di segnalazione finiresti per vuotare tutte e due le bombole e rimanere in panne comunque.
    Conclusione: la doppia bombola non è proprio necessaria essendo un impianto ausiliario e non primario...

  3. #3

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    8,279
    Non è una caldaia, è uno scaldabagno: non è che va in blocco, molto banalmente se finisce la bombola non ha più una cippa da bruciare quindi si spegne


    Quando la passione incontra la follia e l'amore, nasce un Citroënista. [cit.]

  4. #4

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    non ricordo
    Messaggi
    5,025
    Quote Originariamente inviato da Darlington Visualizza il messaggio
    Non è una caldaia, è uno scaldabagno: non è che va in blocco, molto banalmente se finisce la bombola non ha più una cippa da bruciare quindi si spegne

    Ops...scusa se ho offeso il tuo scaldabagno dandogli della femminuccia alias "caldaia"

  5. #5

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    8,279
    Il problema principale, comunque, è trovare qualcuno che faccia la trasformazione: chiamati innumerevoli termoidraulici, di zona e fuori zona. O sono "troppo distanti" (15 Km) e non vengono, anche con la pretesa di pagare l'uscita assieme al lavoro, oppure molto semplicemente ti rispondono che se non si tratta di un lavoro di almeno qualche migliaio di euro, loro non si muovono.

    Già per trovare un banalissimo idraulico che mi installasse il boiler ho dovuto diventare matto, la maggior parte pretendeva di vendermi un boiler loro anziché installarmi il mio, che avevo comprato nuovo.

    Tanto che poi non sono neppure riuscito a capire se il mio scaldabagno va bene o no per fare questa cosa, quei pochi che si sono degnati di rispondermi sono partiti in quarta dicendo che serve assolutamente uno scaldabagno nuovo venduto da loro ed ovviamente scelto tra i più costosi, senza neppure degnarsi di vedere il mio (che ripeto è nuovo e ha funzionato meno di un anno prima del pensionamento)


    Quando la passione incontra la follia e l'amore, nasce un Citroënista. [cit.]

  6. #6

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    non ricordo
    Messaggi
    5,025
    Devi chiamare quelli che fanno assistenza di quella marca.
    In genere hanno dei contratti con la casa produttrice che gli garantisce l'esclusività dell'assistenza nel loro raggio d'azione.
    Se nella tua zona non c'è nessuno sei fregato!
    Puoi sempre rivolgerti direttamente alla casa costruttrice chiedendo un centro di assistenza autorizzato.

    Comunque confermo che oggi è difficile trovare artigiani onesti.
    Ancora più difficile trovare quelli competenti.
    Cosa estremamente rara trovarli onesti e competenti...

    Io in genere (per non dire sempre) studio per bene l'argomento, mi attrezzo e faccio tutto mì. Alla fine spendo uguale e mi resta l'attrezzatura! Le ore di lavoro le conto a valore 0. Non si può avere tutto dalla vita.
    Per pagarmi le ore di lavoro dovrei rivendermi l'attrezzatura...ma non è il mio stile.

  7. #7
    TecnicoERMETICO riciclato
    Iscritto dal
    03/12/2011
    Località
    Monopoli
    Messaggi
    5,217
    Devi solo cambiare gli ugelli,poi bombola,camping gaz,bombolone è sempre la stessa cosa (più o meno) dipende dal mix butano/propano ma alla fine cambia poco.
    Devi procurarti un ottimo regolatore di pressione e basta,poi metti ad alimentare quello che ti pare.
    How much is a life worth? By law,a bank guard can carry a gun to protect his employer's money.
    But a parent here can't be legally armed to protect her children outside of home. [cit]


  8. #8

    Iscritto dal
    22/09/2011
    Località
    nel lontano nord est
    Messaggi
    1,529
    Quote Originariamente inviato da Ciskopa Visualizza il messaggio
    Devi procurarti un ottimo regolatore di pressione e basta,poi metti ad alimentare quello che ti pare.

    quello che usavo io al lavoro per regolare l'azoto del TIG costava sui 300€ compreso flussometro
    I'm back


  9. #9

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    8,279
    Quello è differente, intanto c'è il flussometro e poi la bombola d'azoto esce a 300 Bar. Quelle di gas se tutto va bene non passano i 6-7 Bar e la pressione d'uscita verso il coso dovrebbe essere 30 Millibar. Poi vedo se trovo ancora il foglio con i dati

    Intanto rimane l'incognita del consumo, l'affare ha una potenza calorifica abbastanza elevata.. è anche vero che rimane in marcia solo fintanto che l'acqua è aperta...


    Quando la passione incontra la follia e l'amore, nasce un Citroënista. [cit.]

  10. #10

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    8,279
    Altra soluzione sarebbe uno scaldacqua a gas ad accumulo, in pratica son come quelli elettrici ma hanno il bruciatore a gas ed erogano 5-6kW di potenza.

    Molto più comodo perché con quello che ho ora (istantaneo) sarei costretto a tenere sempre accesa la fiammella pilota ( = consumo di gas) oppure fare un continuo accendi-spegni che non è comodissimo p.es. se dopo una seduta sul trono si necessita di acqua calda per la propria igiene personale

    Ma devo vedere il prezzo di quelli a gas, non sono molto comuni aka è probabile costino un pò.

    Va beh per ora rimango con l'elettrico e tanti saluti.


    Quando la passione incontra la follia e l'amore, nasce un Citroënista. [cit.]


 
+ Rispondi
Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2014 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 15:21.