+ Rispondi
Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 17
  1. #1

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    Now in Padua province
    Messaggi
    587

    Situazione divulgazione informatica in italia

    Cioè, non so voi, io che mi ritengo appassionato di informatica la situazione attuale dei vari mezzi di comunicazione (siti, riviste, eccetera eccetera) mi rattrista parecchio. Sarà che provengo dalla generazione 28.8 e vedo le cose in questa ottica "vintage" ed il pc è sempre stato un mezzo per "produrre" qualcosa, non un sussidio ad altre attività (social in primis).

  2. #2
    Men che rookie
    Iscritto dal
    28/09/2011
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,014
    Faccio uno spot pubblicitario, attenzione!

    Leggete Hacker Journal!

    Detto questo, hai ragione. La cultura informatica temo sia peggiorata, anche perché "ai miei tempi" il modem manco esisteva!
    "Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura chè la diritta via era smarrita"

  3. #3

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    Now in Padua province
    Messaggi
    587
    Detto questo, hai ragione. La cultura informatica temo sia peggiorata, anche perché "ai miei tempi" il modem manco esisteva!
    Parlavo di una generazione non "preistoria"

  4. #4

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    12,326
    Quote Originariamente inviato da kilomikesierra Visualizza il messaggio
    Detto questo, hai ragione. La cultura informatica temo sia peggiorata
    Fai te, la cultura informatica attualmente si riduce a "non sono capace di usarlo = lo butto", la divulgazione consiste nel considerare semidio un idiota come Aranzulla che prende guide vecchie di almeno cinque anni, le ripubblica spacciandole per sue ed incassa coi banner.
    "Motore danza - sento già - che il dolore avanza": le ultime parole registrate dalla scatola nera

    "Il vino è nemico dell'uomo; chi indietreggia davanti al nemico è un vigliacco"

  5. #5

    Iscritto dal
    20/10/2011
    Località
    Now in Padua province
    Messaggi
    587
    Condivido il tuo pensiero, volevo scriverlo pure io, ma poi ho pensato di aspettare il tuo intervento , sapevo che saresti arrivato.
    Naturalmente se avete consigli come KMS dite pure.

    -- Comunque, il mio primo computer fu l'Amiga 500, e prima ancora il C64 del compagno di scuola. Siamo un po "dinosauri" tutti e due kilo --
    Ultima modifica: 03-10-2018 alle 13:27, di tech4all Motivo: vecchiaia

  6. #6

    Iscritto dal
    05/09/2011
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    8,267
    Quote Originariamente inviato da Darlington Visualizza il messaggio
    la divulgazione consiste nel considerare semidio un idiota come Aranzulla che prende guide vecchie di almeno cinque anni, le ripubblica spacciandole per sue ed incassa coi banner.
    Aranzulla è business, non divulgazione. Almeno imparate a riconoscere la differenza.

    E smettetela di disdegnarlo solo perché con un blog lui ci fa i soldi e voi no.
    Ha avuto la capacità di realizzare e metter su azienda con le necessità altrui.
    Idem fanno tutti i siti di cucina, fashion, acconciature, ecc... ecc.... Molti si affidano a ghost writer e ci fanno gli articoli.

    Comunque potremmo dire che l'ignoranza si estende a tutti i settori ed in alcuni è aumentata invece che diminuire.
    Agricoltura, lavori di casa, piccoli interventi di muratura...
    Direi che tutti i settori che uno "conosce" possono essere indicati come "assenza di divulgazione specifica".

    In meccanica sono una zappa, ma potrei affermare con buona sicurezza che non c'è nessun mezzo d'informazione (stampato/digitale) che mi permetta di migliorare la mia situazione.
    Magari ce ne sono in biblioteca/libreria, ma saran vecchi di decenni e le auto cambiano e si complicano ogni giorno.

  7. #7
    Men che rookie
    Iscritto dal
    28/09/2011
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,014
    Nello specifico, credo che per "cultura informatica" si intenda l'importanza delle copie di sicurezza, una corretta gestione delle stesse, capire la differenza tra una mail "buona" ed una palesemente fraudolenta...
    Da quel punto di vista credo che ci sia forte "analfabetismo" ed in certi casi "menefreghismo"...
    "Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura chè la diritta via era smarrita"

  8. #8

    Iscritto dal
    13/12/2011
    Località
    Salento!
    Messaggi
    6,639
    Quote Originariamente inviato da Darlington Visualizza il messaggio
    Fai te, la cultura informatica attualmente si riduce a "non sono capace di usarlo = lo butto", la divulgazione consiste nel considerare semidio un idiota come Aranzulla che prende guide vecchie di almeno cinque anni, le ripubblica spacciandole per sue ed incassa coi banner.
    Però è un cazzo di genio del seo

    Inviato dal mio gatto utilizzando Tapatalk

  9. #9

    Iscritto dal
    29/07/2012
    Località
    PN-TV
    Messaggi
    5,044
    Divulgazione ha un significato specifico per me. Credo che qui stiamo parlando di informazione più che divulgazione.
    Siti di informazione ce ne sono, più o meno buoni.
    La maggior parte dei siti che leggo è straniera (prevalentemente americana, ma ormai sono sempre più internazionali anche loro).

    Negli anni scorsi ho avuto contatti con due siti molto noti in Italia che erano interessati a farmi scrivere articoli per loro. Entrambi erano molto tecnici ed entrambi erano in difficoltà per la concorrenza di siti molto meno tecnici e di YouTube e altri servizi di video streaming.

    Per fare un buon sito di informazione in questo settore servono, dal mio punto di vista:

    - Competenze tecniche informatiche ed elettroniche;
    - Ottima capacità di espressione, di relazionarsi e di presenza;
    - Uno spazio dedicato dove avere una o più postazioni di laboratorio;
    - Attrezzatura hardware e licenze di software professionali;
    - Buon collegamento ad Internet, budget per pagare le utenze;
    - Contatti con le aziende del settore per avere accesso all'hardware (fondamentale pubblicare al lancio del prodotto);
    - Budget per acquistare il materiale che non viene concesso dalle aziende;
    - Budget per partecipare ad incontri e altri eventi tenuti dalle aziende, potenzialmente anche internazionali ed extra CE;
    - Tempo per fare i test;
    - Tempo per pubblicare costantemente contenuti (lavorando anche la sera e nei weekend);

    A tutti gli effetti, indifferente dalla reale allocazione di tempo e risorse tra le voci che ho citato, si tratta di vere e proprie aziende, con tanto di personale.

    Ovviamente per partire da zero in questo settore servono un budget iniziale enorme, ottima capacità imprenditoriale e una forte impronta comunicativa.

    La competizione poi la si ha con un'orda di blog e pubblicatori di contenuti fatti da persone che lo fanno come passatempo e che riescono comunque ad attrarre molta utenza e che hanno tecniche, attrezzatura e approfondimento scadenti. Fanno intrattenimento più che informazione.

    I grandi siti in Italia hanno avuto prima un gap infrastrutturale, poi economico, rispetto ai media esteri. La loro crescita non è stata progressiva e adesso se la devono vedere con un mercato dove sono molto svantaggiati rispetto ai piccoli concorrenti.

    Le persone d'altro canto adesso hanno molto più accesso alla parte "intrattenimento" piuttosto che "informazione", per cui l'accesso è preponderante verso alcuni tipi di contenuti.

    Questo poi si riflette sulle risorse a disposizione per potenzialmente migliorarsi che sono molto pochi.

    Poi contate l'effetto degli AD Block! Quello è un altro duro colpo.

    Comunque anche i siti più autorevoli di informazione esteri sono in forte contrazione. Ne hanno chiusi davvero tanti, altri sono prosciugati...

  10. #10
    Men che rookie
    Iscritto dal
    28/09/2011
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,014
    Anche se con "informazione" si potrebbe tentare anche la divulgazione, nel mentre recensisci un nas oppure un software per backup, approfondire gli aspetti legati alle copie e simili.
    Anche perché un conto è sostenere di "saper accendere il pc", un'altro è mandare la mail ad una casa editrice per avere l'arretrato della prima uscita di "Costruisci la casa di barbie"...
    Possibilmente in italiano corretto e con una certa "formalità" di impaginazione.
    "Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura chè la diritta via era smarrita"


 

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2018 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 07:01.