+ Rispondi
Pagina 1 di 29 1 2 3 11 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 284
  1. #1

    Iscritto dal
    21/06/2013
    Località
    Alba (provincia granda)
    Messaggi
    332

    Installazione di una caldaia a pellet

    Un mese fa circa ho acquistato una caldaia a pellet (Bioecoterm modello Ogre 20 kw): ho contattato un idraulico per l'installazione, ed il preventivo per la sola installazione senza alcun materiale e tutta la parte elettrica fuori dal preventivo, solo mano d'opera 1600,00 € + I.V.A.
    senza contare poi che il puffer ed il boiler per l'a.c.s. (acqua calda sanitaria) avevano dei prezzi indecenti, insomma per farla breve avrei dovuto sborsare fra mano d'opera, iva, puffer da 500 litri e boiler da 100 litri, la modica cifra di 4.400 € senza calcolare che avrei dovuto accollarmi la spesa per l'impianto elettrico e poi non era conteggiata la canna fumaria ed in più mi avrebbe levato la caldaia a gpl esistente (cosa che a me servirebbe per emergenza e per l'acs in estate);

    Pertanto raccolti i ricordi di gioventù (tra una scuola e l'altra aiutavo mio padrino idraulico e qualcosa ho imparato) e le esperienze avute nella vita ho deciso di farmi da solo l'installazione.
    Comunque iniziamo dalla caldaia, una Bioecoterm Ogre da 20 Kw con resa all'acqua 18,7 kw effettivi, una semi onnivora in quanto brucia sia pellet che nocciolino di olive frantumato, nocciole sempre frantumate e mais, per il mais la casa costruttrice precisa di usarlo in miscela al max al 40% perché probabilmente da solo non riesce ad avviare l'accensione, comunque tale caldaia ha una resa del 94% sia al massimo che in modulazione, una vera eccezione le altre in genere in modulazione rendono molto meno, ma questo al momento solo sulla carta perché prima dovrei almeno provarla ma aspetto ancora di installare la canna fumaria (ordinata, la sto aspettando dovrebbe arrivarmi nei primi giorni di agosto) però nel frattempo ho montato tutto, tubi valvole, puffer Cordivari, boiler Ariston con le dovute pompe ed i relativi termostati, ho fatto tutto l'impianto elettrico secondo le regole e man mano che posterò le foto descriverò il lavoro con le relative spiegazioni tecniche.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0150.jpg

    Ecco questa è la prima foto della caldaia (scusate il foglietto davanti me lo sono dimenticato è lo schema dell'impianto idraulico).

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0134.jpg

    Questo che vedete è il puffer o accumulatore, della Cordivari da 500 litri, per chi non sapesse il dimensionamento degli accumuli d'acqua la regola è la seguente: 20 o meglio 25 litri per kw di potenza nominale della caldaia, pertanto 25x20kw=500 litri.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0145.jpg

    Questo è il boiler o scaldabagno della Ariston da 80 litri (qualcuno penserà sia piccolo, ma siamo solo in due: io e la mia dolce metà complementare) un modello combinato scalda penso con l'intercapedine senza serpentino, pertanto più veloce ed in più ha la resistenza elettrica in caso di caldaia spenta tipo in estate, non penso la userò mai visto che ho anche una caldaia a gpl ma mai dire mai è lì e può servire.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0135.jpg
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0154.jpg
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0153.jpg

    Ora passiamo agli allacciamenti impianto, quello che vedete è l'allacciamento della caldaia, se notate dall'uscita caldaia il tubo super. è la mandata al puffer quello inf. è il ritorno, tali tubi se guardate bene sono collegati nella sequenza: valvola a sfera, bocchettone, valvola a sfera sia mandata che ritorno, questo perché in caso di spostamento caldaia per riparazioni o altro l'impianto rimane pieno, tenete a mente che solo il puffer contiene 500 litri a svuotarlo ci vorrebbe almeno mezz'ora senza contare poi il riempimento con tutti i problemi relativi all'aria che si crea.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0155.jpg
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0137.jpg

    Questi invece sono i due termometri temperatura acqua, 1a foto temperatura mandata accumulo, seconda foto, manometro ritorno da accumulo questo per una immediata visione delle temperature che ci interessano quando è in funzione la caldaia, nella seconda foto vicino al termometro grande c'è il gruppo di carico impianto composto da: partendo dal tee a sx, valvola a sfera, valvola ritegno o di non ritorno, gruppo riempimento Caleffi (automatico, tiene costantemente la pressione impianto alla stessa pressione) però io preferisco tenere le valvole a sfera prima dello stesso e dopo chiuse, non si sa mai. Alla parte sx del tee troviamo un rubinetto, serve per lo scarico impianto, ho levato la maniglia onde evitare aperture accidentali.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0147.jpg
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   _DSC0134.JPG
Visite: 25920
Dimensione:   313.7 KB
ID: 30437
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0146.jpg

    e questo è l'accumulo con le uscite in primo piano per l'impianto dei termo.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0139.jpg

    visione d'insieme puffer caldaia si noti il collegamento semplice e lineare nonostante le varie valvole montate, inoltre vi pregherei di notare i tubi in acciaio zincato: sono i Mannesman i migliori in assoluto sul mercato a mio parere, però anche i più duri e faticosi da filettare.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0136.jpg
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   _DSC0134.JPG
Visite: 25920
Dimensione:   313.7 KB
ID: 30437
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0138.jpg
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0140.jpg
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0142.jpg

    e qui vedete il collegamento puffer a impianto nella parte della mandata termo, notate bene i vari collegamenti e più avanti entrerò nei particolari.

    Per ora chiudo e poi rientro con un altro articolo, perché il programma non mi permette di caricare altre immagini.
    Ultima modifica: 27-07-2013 alle 09:04, di MainThink

  2. #2

    Iscritto dal
    21/06/2013
    Località
    Alba (provincia granda)
    Messaggi
    332
    Continuo nell'esporvi il mio lavoro "installazione di una caldaia a pellet".

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0144.jpg

    Qui vedete la mandata e il ritorno dell'impianto termo, nelle prossime foto vedremo i particolari montati.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0159.jpg

    in questa foto si vede l'uscita dal puffer della mandata termo ed in sequenza: collegamento al puffer, valvola a sfera, bocchettone, un tee da pollice+ pollice con uscita superiore 1/2 pollice (dove c'è il tappo manca il termometro temperatura acqua di mandata termo, non mi è arrivato lo aspetto dal fornitore), dopo c'è un barilotto da 10 cm, poi sempre collegato a un tee come prima un mini call della Caleffi (valvola di sfiato automatica o separatore d'aria).

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0158.jpg

    questa foto segue l'altra, come noterete i tubi di mandata e ritorno sono molto vicini, per cause contingenti ho dovuto bucare una parete divisoria e necessariamente dovevo bucare lì, sotto non potevo, comunque noterete sul tubo di mandata la pompa o circolatore e poi subito la valvola di non ritorno, sotto invece sul tubo di ritorno impianto al puffer il termometro temperatura acqua di ritorno.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   _DSC0144.JPG
Visite: 23086
Dimensione:   403.7 KB
ID: 30451
    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0141.jpg

    Nelle segg. foto vedete il complessivo mandata e ritorno all'impianto completo di vaso di espansione, innestato sul ritorno dell'impianto, tale vaso di 25 litri gonfiato a 1,5 bar serve a contenere la dilatazione dell'acqua calda, siccome l'acqua non si comprime, salendo di temperatura si espande e di conseguenze a impianto pieno sfonderebbe o farebbe scoppiare causa la propria dilatazione il contenitore ove è contenuta, pertanto il vaso d'espansione ha una funzione di assorbimento della dilatazione in quanto avendo al suo interno una camera d'aria gonfiata, con l'espandersi dell'acqua lei si contrae assorbendo la dilatazione dell'acqua, per calcolare esattamente di quanti litri occorre montare il vaso di esp. su di un impianto occorre fare il seguente calcolo: 1 litro d'acqua a 4 gradi centigradi ha il volume di un litro esatto (mille millilitri), un litro d'acqua a 90 gradi ha il volume di 1,0362, pertanto noi avremo una eccedenza di volume su di un litro di 0,0362, di conseguenza un recipiente pieno d'acqua e in pressione senza un vaso di esp. o di una valvola di sfiato scoppierebbe, pertanto a noi per calcolare il volume di un vaso di esp. ci basta calcolare il numero dei litri del nostro impianto e moltiplicarlo per 0,0362, nel mio caso, caldaia 35 litri con vaso d'esp. da 8 litri + puffer 500 litri, impianto circa 150 litri, totale 635 litri che per sicurezza arrotondo a 700 litri, pertanto 700x0,0362= 25,34 i litri del vaso d'espansione occorrente oltre gli 8 litri del vaso della caldaia io sono al sicuro come espansione di acqua calda.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0157.jpg

    In questa foto vediamo il collegamento puffer - boiler tramite pompa seguita da valvola di ritegno, il circolatore è stato tarato al minimo perché il tragitto è corto ed inoltre l'impianto è di 3/4 di pollice invece che un pollice come il resto dell'impianto.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0143.jpg

    Questa è la parte finale dove l'impianto si collega al collettore dei termosifoni.

    Ora la prossima foto illustrerà l'impianto elettrico.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0152.jpg

    In questa foto si nota il quadretto comandi principale, composta da: interruttore magneto-termico da 10 ampere che comanda la caldaia, con a lato la presa schuco della caldaia soggetta all'interruttore, alla sua destra un magneto-termico da 6 ampere che comanda il cronotermostato ambiente, il termostato sul puffer che a sua volta dà il consenso alla pompa dell'impianto termo; oltre ultimo a destra del quadro il magneto-termico da 6 ampere che collega il termostato del boiler con la pompa.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0160.jpg

    In foto si vede il termostato sul puffer regolato a 60 gradi che da il consenso alla pompa impianto termo.

    Installazione di una caldaia a pellet-_dsc0161.jpg

    Nella foto che vedete si nota il termostato collegato alla caldaia regolato a 65 gradi centigradi.


    Sperando di essere stato abbastanza esaustivo e di essere stato d'aiuto a qualcuno che con un minimo di conoscenza d'idraulica volesse avventurarsi nel fai da te, rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento o informazione.
    Per finire un ringraziamento ad Atix e Main Think che mi hanno incoraggiato a postare questo mio lavoro, saluti a tutti.
    Ultima modifica: 27-07-2013 alle 09:07, di MainThink

  3. #3

    Iscritto dal
    21/06/2013
    Località
    Alba (provincia granda)
    Messaggi
    332
    Continuazione, l'impianto in questione lo vedete con i tubi scoperti, questo perché dovevo fare le foto ma nei prossimi giorni i tubi verranno coimbentati con isolante apposito per evitare perdite di calore dai tubi.

  4. #4

    Iscritto dal
    07/09/2011
    Località
    Ambiente climatizzato
    Messaggi
    12,393
    Complimenti, a me sembra fatto bene solo da elettricista non condivido quell'uso indiscriminato di corrugati flessibili stesi un pò come capita.. esistono i corrugati rigidi ed allora usiamoli no?

    Per il boiler da 80 litri: sono nella tua stessa situazione, il mio però è solo elettrico: in casa siamo in due, è timerizzato quindi scalda solo durante la notte e l'acqua accumulata basta per 2 docce ed un lavaggio piatti più eventuali piccoli prelievi come l'esigenza di farsi un bidet... basta un minimo di testa, tipo evitare di aprire l'acqua calda a ca$$o anche per sciacquare una forchetta e ne avanza pure
    "Motore danza - sento già - che il dolore avanza": le ultime parole registrate dalla scatola nera

    "Il vino è nemico dell'uomo; chi indietreggia davanti al nemico è un vigliacco"

  5. #5

    Iscritto dal
    21/06/2013
    Località
    Alba (provincia granda)
    Messaggi
    332
    per Darlington, a saperlo ti avrei chiesto qualche consiglio, in questo caso (non ho mai fatto impianti elettrici me la cavo sulle riparazioni) ho penato parecchio sui collegamenti dei termostati perché proprio non sapevo come si allacciavano specie quelli che gestiscono la pompa impianto che deve avere il consenso del cronotermostato ambiente e poi del termostato posto sul puffer che non deve partire prima dei 60 gradi, certo che una volta capito il funzionamento mi è diventato facile ma prima non avevo mai collegato un termostato in vita mia. Per i tubi corrugati da neofita ho preso i flessibili per comodità in quanto li giro come voglio, sull'idraulica non ho problemi ed ho le idee chiare ma sull'elettricità stento, non mancherò di chiederti consigli alla bisogna.

  6. #6

    Iscritto dal
    27/09/2011
    Messaggi
    2,095
    In effetti il corrugato flessibile da un effetto un po' caotico al tutto, nonostante ciò i miei complimenti per il lavoro che stai svolgendo

  7. #7

    Iscritto dal
    24/11/2012
    Messaggi
    8,020
    Un bell'impiantino, complimenti

    Io sto spingendo per buttare la stufa a pellet e rifare il camino con un termocamino legna/pellet + puffer.
    Ma "paga pantalone" oppone resistenza in un momento in cui è a casa senza lavoro con 41 anni di contributi e nessuno sa quando lo mandano in pensione.

    Life is short, play more.
    3770K - Z77 extreme4 - 8G Samsung green 30nm - 6950@70 - M4 128G
    DGN3500 (amod) + R7000 (kongac)






  8. #8

    Iscritto dal
    21/06/2013
    Località
    Alba (provincia granda)
    Messaggi
    332
    è vero, però guardate bene, non avrei potuto mettere tubi rigidi se non su pezzi a muro perché i tubi intorno al puffer e sopra non saprei come metterli diversamente, invece i flessibili si adattano meglio o sbaglio?
    Quote Originariamente inviato da Matteo92 Visualizza il messaggio
    In effetti il corrugato flessibile da un effetto un po' caotico al tutto, nonostante ciò i miei complimenti per il lavoro che stai svolgendo

  9. #9

    Iscritto dal
    21/06/2013
    Località
    Alba (provincia granda)
    Messaggi
    332
    hai ragione Atix questo stato con i ns parlamentari è da buttare, tutto per loro e per il popolo nulla, comunque consolati io ho smesso parecchi anni fa e pensavo di andare in pensione a 60anni ora ne ho 64 e ancora aspetto con 30anni di contributi versati, se va bene avrò la pensione fra due anni se non cambiano le cose ma visto l'andazzo del nostro povero paese non sono molto sicuro.
    Quote Originariamente inviato da ATIX Visualizza il messaggio
    Un bell'impiantino, complimenti

    Io sto spingendo per buttare la stufa a pellet e rifare il camino con un termocamino legna/pellet + puffer.
    Ma "paga pantalone" oppone resistenza in un momento in cui è a casa senza lavoro con 41 anni di contributi e nessuno sa quando lo mandano in pensione.

  10. #10

    Iscritto dal
    27/09/2011
    Messaggi
    2,095
    tutti gli impianti che ho visto lavorando sono costruiti con tubo rigido sui muri (o meglio ancora canalina sospesa) e tubo flessibile verso i termostati etc..


 
+ Rispondi
Pagina 1 di 29 1 2 3 11 ... UltimaUltima

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 00:27.