+ Rispondi
Pagina 1 di 14 1 2 3 11 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 su 136
  1. #1
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288

    [Guida] Utilizzare Dataram RAMDisk per ottimizzare Windows e l'uso degli SSD

    Gli ssd hanno oramai raggiunto ottimi livelli di affidabilità e di durata nel tempo, ma se, come capita spesso negli ultimi tempi, ci ritrovassimo qualche GB di ram in più nei nostri pc, potrebbe essere una buona idea creare un ramdisk per preservarli ulteriormente e dare anche un piccolo ulteriore 'sprint' al nostro sistema.
    Un ramdisk è incredibilmente più veloce di qualsiasi SSD o raid0 di SSD, ed inoltre non ha nessun tipo di degrado di prestazioni e non comporta rischi per i nostri moduli di ram.

    Ecco un paio di bench del mio ramdisk fatti con HD Tune e CrystalDiskMark:

    [Guida] Utilizzare Dataram RAMDisk per ottimizzare Windows e l'uso degli SSD-tcxkg.jpg[Guida] Utilizzare Dataram RAMDisk per ottimizzare Windows e l'uso degli SSD-tfzqi.jpg

    Usando un ramdisk potremo evitare che Windows, browser, ed altre applicazioni, usino l'ssd per scrivere e leggere contiunamente file temporanei, e potremo inoltre evitare che essi si accumulino occupando spazio inutilmente, grazie al fatto che il nostro ramdisk dopo ogni riavvio tornerà ad essere completamente pulito.
    Usare il ramdisk può essere utile a tutti per quanto riguarda alcuni processi di scrittura e lettura su disco da parte di Windows e dei browser, e può essere ancora più utile per chi usa frequentemente programmi di audio/video/foto editing, o altri programmi specifici che usano cache o cartelle temporanee.

    Qusta guida è nata perchè spesso genericamente si legge che per usare questo programma ci sia bisogno di abilitare il caricamento automatico di un immagine del ramdisk ad ogni avvio, o anche il salvataggio automatico dell'immagine ad ogni arresto. Ma in particolare quest'ultima cosa nel nostro caso potrebbe anche diventare molto controproducente, in quanto se non viene disabilitata l'opzione per fare il backup dell'immagine ad ogni salvataggio, si potrebbe rischiare con un ramdisk da 4GB di scrivere 4GB di immagine più 4GB di backup dell'immagine ad ogni arresto del sistema. Ossia 8GB di scrittura su SSD solo per spegnere il pc.
    Queste opzioni potrebbero essere comunque molto utili nel caso in cui avessimo intenzione di installare delle applicazioni all'interno del ramdisk, senza perdere tutto dopo un riavvio. Ma non è certo questo il nostro caso.

    Col metodo che vi spiegherò io invece potrete fare a meno sia di salvare un immagine sull'SSD, e sia di caricarne una ad ogni avvio; evitando così di rallentare il sistema all'arresto e all'avvio, e di fare ulteriori scritture e letture sull'SSD.

    Ecco i punti che tratteremo in questa guida:





    Sappiate che sono tutte cose molto più difficili e lunghe da spiegare per bene, che da fare.
    In particolare DataRam RAMDisk dopotutto è un programma abbastanza user-friendly: è molto versatile e permette di lavorarci in diversi modi, ma le impostazioni da scegliere non sono poi così tante, anzi. Facilmente dopo averlo usato le prime volte volendo potrete anche provare ad usarlo scegliendo altre impostazioni.

    L'intera guida è stata testata solo su Windows 7/Vista. Su Windows XP non tutto potrebbe funzionare allo stesso modo.
    Ultima modifica: 30-11-2013 alle 15:16, di par

  2. #2
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    Premessa importante

    Per utilizzare il ramdisk nel modo descritto sopra, dovremo impostarlo in modo che si avvii automaticamente già formattato, e questo comporta che potremo solo scegliere il nome del ramdisk, che sarà sempre lo stesso, mente la lettera dell'unità può variare. Precisamente, ogni volta verrà usata la prima lettera disponibile. Con tutta probabilità questa cosà verrà risolta in versioni future, ma ad ogni modo adesso spiegheremo meglio questa cosa e come provi rimedio.

    Esempio

    Prendiamo di riferimento questa 'sistemazione':

    SSD con Windows e programmi -> C:\
    HDD solo storage -> D:\
    Drive dvd -> E:\

    Dopo aver fatto il ramdisk gli verrà automaticamente assegnata la lettera F:\ , ma se di seguito avviassimo il computer senza il drive dvd la lettera del ramdisk diventerebbe automaticamente E:\ e bisognerà reimpostare ogni cartella che avevamo settato sul ramdisk, in quanto essendo cambiata la lettera le varie applicazioni non riconosceranno più il percorso vecchio.

    Questo, apparte la seccatura di dover reimpostare da capo le varie cartelle, non comporterebbe rischi o danni al sistema operativo o altro, ma semplicemente avremo degli avvisi che ci indicheranno che il percorso sul ramdisk non è più diponibile e le varie impostazioni sono tornate ai valori di default (a seconda delle applicazioni potrebbero anche comportarsi nello stesso modo, ma senza generare avvisi).

    Soluzione (questo passaggio non è obbligatorio seguirlo, ma prima di creare il ramdisk, serebbe bene almeno leggerlo e capirlo):

    Per prevenire questo problema potrebbe essere una buona soluzione riassegnare le lettere dei dispositivi che utilizziamo prima di creare il ramdisk. Ad esempio, prendendo sempre di riferimnto la sistemazione citata sopra faremmo così:

    SSD con windows e programmi -> C:\
    HDD solo storage -> E:\
    Drive dvd -> F:\

    In questo modo il ramdisk non sarà condizionato da eventuali rimozioni degli altri dispositivi (disco storage e drive dvd), e si avvierà sempre con la lettera D:\ .

    Per indicazioni su come cambiare lettera ad un unità (compreso drive dvd) vedere a questo link Microsoft (link). E' molto semplice. Bisogna solo tenere a mente che cambiando la lettera di un disco alcuni programmi potrebbero non riconoscere più eventuali percorsi che utilizzano su quel disco, e bisogna inserire nei vari ed eventuali programmi i nuovi percorsi (in pratica, bisognerebbe solo mettere la lettera nuova al posto della vecchia all'inizio del percorso).

    Nota sui dispositivi USB esterni

    Avviare il pc con un dispositivo usb esterno già inserito a pc spento, non crea nessun problema di assegnazione delle lettere: la lettera verra assegnata prima al ramdisk (e quindi sarà sempre la stessa), e poi ad eventuali dispositivi USB esterni.

  3. #3
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    Creazione del ramdisk





    Scarichiamo DATARAM RAMdisk, ecco il link di download preso direttamente dal sito ufficiale DATARAM:

    Download DATARAM RAMdisk

    Dopo aver installato il programma sul nostro SSD dove risiede anche Windows, impostiamo Dataram RAMDisk in questo modo:

    [Guida] Utilizzare Dataram RAMDisk per ottimizzare Windows e l'uso degli SSD-co154.jpg[Guida] Utilizzare Dataram RAMDisk per ottimizzare Windows e l'uso degli SSD-lcjqz.jpg

    (nella scheda 'Options' consgilio invece di tenere tutte le opzioni disabilitate perchè tanto non ne avremo bisogno e non le useremo)

    La dimensione del ramdisk invece la sceglierete voi in base alle vostre esigenze e alla disponibilità di ram che avete, nel mio caso avendo 12GB di ram ed usando anche diversi programmi con cui torna utile un ramdisk, ho scelto di farlo di 4GB, che è il limite massimo utilizzabile con questo programma in versione freeware. Ma per gli utilizzi basillari che andremo a descrivere (browser e Windows) volendo ce ne potrebbe bastare anche uno soltanto.

    Una volta fatto tutto, torniamo alla schermata principale ('Settings') e clickiamo su 'Start RAMDisk' in basso.

    Se abbiamo fatto tutto bene, accedendo a risorse del computer, insieme ai drive che normalmente utilizziamo apparirà anche il ramdisk.
    All'interno della directory principale del ramdisk dovremo già trovarci una cartella nominata 'TEMP', che sarà l'unica cosa che verrà automaticamente creata ad ogni avvio all'interno del ramdisk, grazie all'apposita opzione di Dataram RAMDisk. Questa cartella ci servirà per le due cartelle temporanee di windows.

    Il ramdisk adesso è pronto.
    Ultima modifica: 05-05-2012 alle 11:30, di par

  4. #4
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    Spostamento cache Internet Explorer, FireFox, Google Chrome





    Dopo aver creato il ramdisk, da risorse del computer andiamo nella sua directory principale e creiamo le cartelle che ci interessano ('IE_Cache', 'Chrome_Cache' , 'FF_Cache').
    Spostiamo le cache dei browser che ci interessano seguendo i metodi riportati quì sotto. Vi è anche spiegato come impostare un limite alla dimensione della cache dei browser. In linea di massima vanno più che bene anche 200MB, ma se non abbiamo problemi di spazio nel ramdisk potrebbe essere conveniente anche mettere un limite più alto, ad esempio 500MB.

    La 'prova del 9' per verificare che abbiamo fatto tutto bene sarebbe che dopo aver eseguito le modifiche, riavviamo il pc e all'interno della directory principale del ramdisk avremo solo la cartella TEMP che genera automaticamente il programma DataRam RAMDisk, ma iniziando ad utilizzare i vari browser appariranno, sempre nella directory principale del ramdisk, anche le varie cartelle IE_Cache , FF_Cache e Chrome_Cache che automaticamente verrano ricreate dai browser ogni volta che ce ne sarà bisogno.

    NB

    Soltanto lo spostamento della cache di Internet Explorer comporta la perdita ad ogni riavvio di cronologia e password salvate. Nessun problema invece con gli altri browser.

    Spoiler: Spostamento cache di Internet Explorer
    Chiudiamo Internet Explorer e seguiamo questo percorso:

    Pannello di controllo -> Rete e Internet -> Opzioni Internet -> Generale -> Cronologia esplorazioni -> Impostazioni -> Sposta cartella

    Non ci resta che selezionare la cartella che abbiamo appositamente creato (IE_Cache) all'interno del ramdisk e clickare su 'OK'.

    All'interno della stessa scheda possiamo anche scegliere la dimensione massima della cache, possiamo lasciarla al valore default oppure impostarla secondo le nostre esigenze.

    NB. Internet Explorer automaticamente crea sempre all'interno della cartella che noi abbiamo selezionato (e che a sua volta verrà automaticamente creata ogni volta che ce ne avrà bisogno) una cartella nascosta, nominata File temporanei Internet o Internet Termporary Files, in cui vengono poi salvati i files della cache. Quindi se si creerà la cartella IE_Cache all'interno del ramdisk ma resterà vuota è normale. Volendo accedervi dovete entrare nella cartella IE_Cache e poi clickare nella barra degli indirizzi in alto ed aggiungere al percorso della cartella '\File temporanei Internet' oppure '\Internet Termporary Files' .

    Spoiler: Spostamento cache di Firefox
    Apriamo Firefox, scriviamo nella barra degli indirizzi "about:config" (senza virgolette) e facciamo invio.

    Clicchiamo sul tasto che apparirà 'Farò attenzione, prometto' (lol).

    Clickiamo col tasto desto all'interno della pagina, andiamo su Nuovo -> Stringa e inseriamo il seguente comando nella finestra che si aprirà: "browser.cache.disk.parent_directory" (senza virgolette). Clickiamo su 'OK'.

    Ora potremo inserire il percorso della cartella che abbiamo creato (X:\FF_Cache) all'interno del ramdisk. Clickiamo su 'OK', e riavviamo Firefox.

    Per impostare il limite della dimensione della cache invece apriamo Firefox, andiamo su 'opzioni', clickiamo 'avanzate' e poi 'rete', e mettiamo la spunta sulla voce 'non utilizzare la gestione automatica della cache'. Infine nel checkbox 'limita la cache', che prima era grigio, inseriamo il valore che desideriamo in MB, e clickiamo 'OK'.

    Spoiler: Spostamento cache di Google Chrome
    Questo metodo dovrebbe funzionare oltre che con Google Chrome, anche con qualsiasi altro browser Chromium-based, personalmente l'ho testato con SRWare Iron senza riscontrare problemi.

    Chiudiamo Chrome, clickiamo col tasto destro sul collegamento che usiamo abitualmente, e andiamo su proprietà.

    Alla riga 'destinazione' dobbiamo aggiungere, separato da uno spazio, questo comando:

    --disk-cache-dir="E:\Chrome_Cache" --disk-cache-size=524288000

    Le parti in rosso sono i valori che dovremo impostare a seconda delle nostre esigenze:

    E:\Chrome_Cache è la destinazione in cui noi decideremo di mandare la cache di Chrome, nel mio caso il RAMDisk ha la lettera E:\ , e Chrome_Cache è la cartella in cui andrà la cache.

    524288000 invece è il limite massimo in bytes che andiamo a dare alla dimensione della cache di Chrome. Nel mio caso sarebbero 500MB.

    Quindi impostando la directory del ramdisk e la dimensione massima della cache di Chrome che vi ho descritto, ecco come apparirà l'intera riga

    "C:\Program Files (x86)\Google\Chrome\Application\chrome.exe" --disk-cache-dir="E:\Chrome_Cache" --disk-cache-size=524288000

    Immagine esempio con SRWare Iron

    [Guida] Utilizzare Dataram RAMDisk per ottimizzare Windows e l'uso degli SSD-a0ole.jpg

    in questo esempio, fatto utilizzando SRWare Iron, ecco l'intera riga:

    "C:\Program Files (x86)\SRWare Iron\iron.exe" --disk-cache-dir="E:\SRWare Iron_Cache" --disk-cache-size=524288000

    La parte in rosso è quella che appare nella riga all'interno dell'immagine, perchè non è visualizzabile per intero, ma per leggerla tutta bisogna spostare il cursore con le freccette dx e sx all'interno della riga.

    Consiglio di prestare attenzione agli spazi all'interno della riga, perchè se non sono giusti i comandi non funzioneranno, ed è facile sbagliarsi.

    NB se apriremo il browser con un altro collegamento su cui non avremo aggiunto questo comando succede che automaticamente viene ricreata la cartella della cache di Chrome sull'ssd, quindi dovremo aggiungere il comando a tutti i collegamenti di Chrome che utilizziamo per avviarlo.
    Ultima modifica: 30-11-2013 alle 16:48, di par

  5. #5
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    Spostamento delle cartelle di Windows, 'TEMP' e 'TMP'








    Seguiamo questo percorso:

    Pannello di controllo -> Sistema e sicurezza -> Sistema -> Impostazioni di sistema avanzate (quest'ultima voce la troviamo nel piccolo menu nel lato sinistro della finestra)

    Si aprirà una nuova finestra, di default dovrebbe aprirsi già nella scheda 'Avanzate', se così non fosse clickiamo prima in alto sulla scheda 'Avanzate', e poi in basso sul tasto 'Variabili d'ambiente'.

    Per cambiare i percorsi delle variabili TEMP e TMP evidenziamone una e poi clickiamo sul tasto sottostante 'Modifica'. Ora all'interno della riga 'Valore variabile' inseriamo il percorso della cartella nominata 'TEMP' che viene generata automaticamente ad ogni avvio all'interno del ramdisk. Se per esempio la lettera del nostro ramdisk sarà X:\ il percorso sarà X:\TEMP . Clickiamo 'OK' all'interno della finestra in cui abbiamo inserito il percorso e ripetiamo il procedimento anche per l'altra variabile.

    Infine clickiamo nuovamente 'OK' all'interno della finestra 'Variabili d'ambiente'.

    NOTA

    Gli aggiornamenti di Windows non usano le variabili d'ambiente, quindi dopo aver fatto questa modifica è possibile eseguire tutti gli aggiornamenti senza alcun problema.

    2°NOTA

    Spostando le cartelle temporanee su sistemi Windows x86, è possibile riscontrare problemi di accesso alle stampanti.
    E' possibile risolvere il problema aprendo il nuovo percorso inserito delle cartelle temporanee, e dargli piena Amministrazione all'utente. Qui trovate indicazioni dettagliate per farlo (gentilmente fornite da starjexy):

    Spoiler: Guida permessi di Amministrazione
    OK allora questa è una mini guida per prendere i permessi di Amministrazione di una cartella, per bypassare un bug di permessi sulle cartelle Temp di Windows 7 x86. Il problema non è presente sui Win7 x64 per cui non è necessario fare la modifica su sistemi a 64Bit:

    1 Dirigersi verso la cartella creata per spostare i Temp su Ramdisk (Il mio suggerimento è quello di dare pieni permessi a tutto il Ram Disk);

    2 Tasto dx Proprietà;

    3 Scheda Sicurezza e click su Avanzate;


    4 Scheda Proprietario->Altri Utenti o gruppi->Immettere il nome dell'utente che gestirà la cartella (Io consiglio Everyone per non avere problemi in futuro)->Controlla Nomi e poi OK;


    5 Selezionare l'utente aggiunto e poi spuntare la voce: "Sostituisci proprietario..." e dare OK;


    6 Tornati sulle Proprietà, nella scheda Sicurezza, click su Modifica->Aggiungi->Immettere il nome dell'utente che gestirà la cartella (Io consiglio Everyone per non avere problemi in futuro)->Controlla Nomi->OK;


    7 Infine sotto, tenendo sempre selezionato l'utente che ci interessa nel riquadro soprastante, spuntare la casella consenti a fianco la voce Controllo Completo e dare OK;


    In questo modo si risolvono diversi problemi, tra cui quello di gestione delle stampanti, che possono incorrere spostando i Temp di Windows 7 x86 in altre partizioni e/o cartelle.
    Ultima modifica: 16-12-2014 alle 19:45, di par

  6. #6
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    Spostamento del file di paging

    Seguiamo questo percorso:

    Pannello di controllo -> Sistema e sicurezza -> Sistema -> Impostazioni di sistema avanzate (quest'ultima voce la troviamo nel piccolo menu nel lato sinistro della finestra)

    Si aprirà una nuova finestra, di default dovrebbe aprirsi già nella scheda 'Avanzate', se così non fosse clickiamo prima in alto sulla scheda 'Avanzate', e poi sul tasto 'Impostazioni' che si trova all'interno del riquadro 'Prestazioni'.

    Ora andiamo nella scheda 'Avanzate' della nuova finestra che si è aperta, e clickiamo sul tasto 'Cambia' all'interno del riquadro 'Memoria virtuale'

    Togliamo la spunta dall'opzione in alto 'Gestisci automaticamente dimensioni file di paging per tutte le unità'.

    Per ripulire il sistema dai file di paging attualmente in uso, evidenziamo un unità, clickiamo sull'opzione 'Nessun file di paging' e poi sul tasto 'Imposta'. Ripetiamo l'operazione per tutte le unità che abbiamo, e poi clickiamo 'OK' e riavviamo.

    Rifacciamo lo stesso percorso fino a tornare alla stessa finestra, evidenziamo il nostro ramdisk, clickiamo sull'opzione 'Dimensioni personalizzate' e scriviamo 512 come dimensioni iniziali, e 1024 come dimnsioni massime. Clickiamo sul tanto 'Imposta' e riavviamo.

    Ci sono alcuni programmi obsoleti (soprattutto programmi pensati solo ed esclusivamente per Windows XP) che potrebbero richiedere il file di paging specificatamente nella stessa partizione di Windows. In questo caso se utilizzando questi programmi dovessimo avere errori del tipo 'memoria insufficiente', si può aggirare il problema impostando il file di paging di soli 16MB (il minimo selezionabile) fissi sull'SSD nella patizione di Windows, e il resto sul ramdisk. Così facendo grazie a quei 16MB simbolici potremmo aggirare eventuali problemi. E' comunque molto difficile che vi troviate nel pc software che necessitano di quest'accortenza.

    Eventualmente avete problemi di spazio sul ramdisk, potreste anche provare ad impostare il paging a 512MB fissi senza preoccuparvi troppo. O se semplicemente non avete abbastanza ram in esubero per dedicarne 512MB al paging, potreste anche provare a spostarlo sull'HDD (se nel vostro sistema ne avete uno), o anche a disabilitarlo completamente. A seconda dei sistemi potrebbe essere necessario fare delle prove, e queste potrebbero essere tutte soluzioni valide.

  7. #7
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    Note generali

    Programmi di compressione

    Se avessimo la necessità di estrarre file compressi di svariati GB è bene sapere che se li estraessimo semplicemente trascinandoli dalla finestra del programma di compressione ad una cartella o sul desktop del nostro pc, molto probabilmente durante l'estrazione, pur avendo scelto dalle impostazioni del programma di compressione una sua cartella temporanea (che io per sicurezza ho preferito mettere sull'HDD), verrà usata la cartella TMP di Windows, e se il file da estrarre sarà molto più grande del nostro ramdisk probabilmente ci verrà mostrato un avviso 'spazio su disco insufficiente'.
    Si può aggirare molto semplicemente questo incoveniente estraendo il file tramite il tasto 'estrai' del nostro programma di compressione, invece che trascinandolo.

    Note su altri programmi da usare col ramdisk

    Oltre che per le cose che ho descritto, uso il ramdisk principalmente insieme a programmi di foto editing.
    Per farlo basta modificare le relative opzioni all'interno dei vari programmi, e penso che non ci sia bisogno di descrivere queste operazioni nel dettaglio. Anche perchè per tutti i principali programmi di audio/video/foto editing bene o male basta una 'googlata' veloce per trovare qualsiasi informazione.
    Verranno invece inseriti in quest'ultimo spazio eventuali problemi, difficoltà o miglioramenti specifici e più particolari che possiamo avere con un determinato programma proprio riguardo l'uso del ramdisk. Questo spazio potrà quindi essere aggiornato in seguito a nuove segnalazioni e vostre (ma anche mie) esperienze.
    Programmi di foto/video/audio editing sono quelli che penso maggiormente potrebbe essere conveniente far lavorare con il ramdisk in presenza di un SSD nel sistema, ma ovviamente si potrà usare questo spazio anche per altri tipi di programmi.

    Lightroom

    Lightroom si basa su catalogo multimediale, che, non avendo esigenze professionali, personalmente non ho mai avuto la necesità di utilizzare realmente, e penso valga lo stesso anche per la maggior parte delle altre persone che lo usano amatorialmente. Quello che consiglio di fare quindi è di impostare Lightroom in modo che chieda ad ogni avvio quale catalogo utilizzare e poi cancellare il catalogo default (trovate il percorso all'interno delle relative impostazioni di Lightroom). In questo modo ogni volta che accendiamo il pc ed apriamo Lightroom, con due click creiamo un catalogo multimediale sul ramdisk.
    Così facendo, oltre ad evitare un sacco di scritture e letture sull'SSD, dovremmo anche aumentare le prestazioni del programma.

  8. #8
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    Fine

  9. #9

    Iscritto dal
    24/10/2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    9,260
    grazie infinite Par

    p.s. e grazie a Ceresara per l'info

  10. #10
    par
    par non è in linea
    Unfashionable User
    Iscritto dal
    18/02/2012
    Località
    Black Lodge
    Messaggi
    288
    spero possa essere utile

    (e menomale che 'ceres c'è' ..altrimenti chissà quanto tempo avrei fatto passare ancora )


 
+ Rispondi
Pagina 1 di 14 1 2 3 11 ... UltimaUltima

Autorizzazioni

  • Non puoi iniziare nuove discussioni
  • Non puoi rispondere alle discussioni
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Powered by vBulletin™ Version 4.1.5
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved
SEO by vBSEO ©2011, Crawlability, Inc.
Fuso orario: UTC +1, sono le 12:27.