Garante della privacy: i 10 consigli per navigare tranquilli anche a Natale

 

Maggior tempo libero durante le vacanze significa, per molti, più tempo trascorso in Rete. Il Garante della Privacy allora ha stilato 10 semplici regole da seguire per farlo in massima sicurezza.

Per chi ha la fortuna di avere un lavoro che preveda le ferie, queste iniziano da oggi con molta probabilità e più tempo libero si traduce anche in più tempo a disposizione da passare connessi al Web, aumentando così i rischi di sicurezza dovuti ad un’esposizione prolungata.

shutterstock_135704441

Il garante della privacy comunque ha pubblicato un vademecum con 10 semplici consigli che dovrebbero garantire di stare tranquilli, eccole:

1. Uso intelligente dei social network. Se partite per le vacanze e lasciate casa vuota non scrivetelo sui social network ed in generale evitate di comunicare con questi mezzi informazioni riguardanti l’indirizzo di casa, il posto dove si parcheggia di solito o la targa dell’auto.

2. Occhio agli SMS con auguri e offerte di Natale. I messaggini infatti possono contenere anche virus, link a servizi indesiderati a pagamento e programmi potenzialmente dannosi per la privacy. E’ buona regola limitare la diffusione del proprio numero telefonico e non rispondere a messaggi provenienti da numeri sconosciuti.

3. Cartoline di auguri elettroniche. Fa piacere riceverle e spedirle via e-mail, SMS, MMS e social network, ma anch’esse possono contenere virus, malware o esporre al rischio di spam. E’ sempre bene fare molta attenzione prima di scaricare programmi, aprire eventuali allegati o cliccare link contenuti nel testo o nelle immagini. Si possono poi adottare semplici precauzioni: ad esempio, non rispondere alle e-mail provenienti da sconosciuti, oppure passare il mouse su un link senza cliccarlo e verificare – in basso a sinistra nel browser – la URL reale al quale si potrebbe essere indirizzati.

4. Truffe e posta elettronica. Diffidare delle offerte di sconti straordinari su viaggi e regali da ottenere compiendo determinate operazioni (ad esempio, cliccare su link, fornire dati personali o bancari, ecc.), che possono arrivare via social network, e-mail o SMS. Anche qui, valgono le stesse precauzioni indicate per le cartoline elettroniche. Un nuovo pericolo in crescita nel periodo delle feste è anche quello delle false notifiche di spedizione, che avvisano dell’aggiornamento di un ordine mai effettuato o della necessità di ritirare un pacco.

5. Attenzione alle app. Durante le feste molti utenti di smartphone e tablet scaricano app gratuite per avere accesso a promozioni o negozi online, per creare e inviare cartoline di Natale o attivare giochi. Questi prodotti software possono anche nascondere virus o malware. Per proteggersi, buone regole sono: scaricare le app dai market ufficiali, leggere con attenzione le descrizioni dei programmi e consultare eventuali recensioni degli utenti.

6. Falsi siti. Diffidare dello shopping online troppo scontato se non si è sicuri dell’affidabilità del sito, se l’indirizzo Internet del sito appare anomalo e se non vengono rispettate le procedure di sicurezza standard per le transazioni online (protocolli https). In ogni caso, è sempre bene fare estrema attenzione quando sono richieste le credenziali della carta di credito o del conto bancario.

7. In vacanza, Wi-Fi gratuito ma con prudenza. Le connessioni offerte da locali e hotel potrebbero non essere protette e rendere PC, smartphone e tablet esposti a intrusioni esterne da parte di malintenzionati a caccia di dati personali. Inoltre, connessioni “infettate” da virus e malware potrebbero invitare gli utenti a installare un software prima dell’utilizzo, esponendo i dispositivi collegati a  rischio di phishing.

8. Le foto delle vacanze e i tag. Non tutti vogliono apparire sui social network, essere riconosciuti o far sapere dove e con chi si trovavano durante le feste natalizie. Se si postano delle foto con altre persone, è meglio prima accertarsi che siano d’accordo.

9. Geolocalizzazione solo quando si vuole. Se invece si preferisce non far sapere dove si è durante le vacanze o le feste di Natale si possono disattivare le opzioni di geolocalizzazione di smartphone e tablet e quelle dei social network utilizzati.

10. Smartphone e tablet protetti. Aggiornamenti software costanti e programmi antivirus dotati anche di anti-spyware e anti-spam possono essere delle buone precauzioni per evitare furti di dati o violazioni della privacy. Ma è bene ricordare che le migliori difese sono la consapevolezza nell’uso delle tecnologie e l’accortezza nel diffondere i nostri dati personali.


 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

Archivo mensile 2019


Visualizza gli Archivi completi
▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980