Google I/O: tutte le novità

 

Nessuna singola grande novità da aprte di Google alla manifestazione dedicata agli sviluppatori, come ampiamente rpevisto da molti, tuttavia il keynote è stato comunque interessante perchè si è parlato di tante novità, piccole e meno piccole che però, nell’insieme colpiscono comunque per quantità e varietà.

Com’era stato previsto non ci sono state notizie eclatanti dal Google I/O, niente Google Glass, del resto già ampiamente sviscerati in latre occassioni, niente Android 5.0 Key Lime Pie, in ritardo e niente X-Phone, ormai slittato a data da destinarsi, insomma niente di tutto quello che si aspettava, che eprò non significa che non si sia parlato di nulla di interessante.

Google si è invece concentrata sulle tante novità introdotte in molti dei suoi servizi, da Google+ al motore di ricerca, fino a Google Play Music All Access, il nuovo servizio di musica in streaming, vediamole brevemente assieme, partendo proprio da quest’ultimo che rappresenta l’unica vera novità integrale, visto che prima non esisteva.

Il servizio si pone in diretta concorrenza con altri come Spotify o Pandora. La sottoscrizione costerà 9.99 dollari al mese e inizialmente sarà limitata ai soli Stati Uniti. Come nel caso delle altre piattaforme si avrà accesso a milioni di brani in streaming e altri servizi, come la radio o la creazione di playlist proprie.

A differenza dei competitor però All Access offre due funzionalità più avanzate, possibili solo grazie agli enormi database di Google: nelle playlist infatti sarà possibile integrare i nostri brani già caricati nel cloud di Google Play, inoltre il servizio sarà in grado di guidarci alla scoperta di nuova musica.

googleio20131

Ritocchi sostanziosi anche per il social network Google+, che riceve ora anzitutto una riorganizzazione dello spazio, su tre colonne ma soprattutto introduce nuove funzionalità legate alle foto. Le novità maggiori sono tre, l’autotagging delle foto, una funzione per cui il servizio analizza le foto caricate e nel caso riconosca alcuni elementi propone dei tag automatici, mostrando subito altre immagini, caricate da altri utenti, che rispondono agli stessi attributi.

Google Highlight invece ci facilita il compito quando abbiamo centinaia di foto da selezionare, magari dopo una vacanza, riconoscendo i doppioni, scartando le foto sfocate o storte e attribuendo maggior importanza ai monumenti famosi o ai volti dei parenti.

Infine Google Auto Awesome metterà assieme più foto di una sequenza in modo ad esempio che in una foto di gruppo siano tutti sorridenti e con gli occhi aperti. Inoltre sono stati migliorati ed aumentati anche i tool di sviluppo e correzione delle foto, con molte nuove funzioni di ritocco, che spingono sempre più a “trasformare i server nella tua camera oscura”, com’è stato detto durante il keynote.

Hangouts, il servizio di videochat, diventa inoltre un’app indipendente, sganciandosi da Google+ e diventando disponibile sia per Android che per Apple iOS. Novità anche per il motore di ricerca, che si arricchisce ora dell’assistente vocale Google Now!, finora integrato solo su Android, anche nella versione del motore di ricerca per PC desktop.

Infine Google Maps diviene ora più intelligente ed è in grado di cambiare aspetto a seconda di quello che cerchiamo, aggiungendo più informazioni sui luoghi attraverso l’integrazione con Google+. Insomma come detto nessuna singola grande e rivoluzionaria novità, ma tanti ritocchi interessanti che migliorano molte delle app più diffuse e conosciute di BigG. 


 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

Archivo mensile 2017


Visualizza gli Archivi completi
▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980