Anche HTC pensa di esordire con un proprio OS

 

Secondo il Wall Street Journal la società taiwanese avrebbe intenzione di abbandonare Android in favore di una piattaforma operativa mobile proprietaria, che dovrebbe esordire a partire dalla Cina.

Non si annunciano tempi molto buoni per Google e il suo sistema operativo mobile Android, almeno stando alle ultime notizie. Nonostante infatti l’OS di Mountain View abbia contribuito in maniera decisiva al successo di brand prima decisamente di seconda linea, come Samsung e la stessa HTC, ora che queste aziende hanno una maggior forza industriale preferirebbero sganciarsi da BigG e risparmiare qualcosa sulle royalties proponendo sistemi operativi propri.

HTC-One_Silver-578-80

L’azienda coreana non ha mai fatto mistero di voler iniziare a breve a proporre device con Tizen ed ora, secondo il Wall Street Journal, anche HTC ha intenzione di fare lo stesso a breve. Secondo il celebre giornale infatti l’azienda taiwanese starebbe collaborando attivamente con il governo cinese per creare un nuovo sistema operativo specificamente pensato per i propri consumatori e che prevede una massiccia implementazione dei servizi più usati nei Paesi asiatici, fra cui Weibo, l’alternativa a Twitter più usata in Cina.

La cosa sarebbe tra l’altro in questo caso fortemente auspicata dallo stesso governo, da sempre orientato all’autarchia tecnologica e che in passato ha avuto attriti sia con Google che con Apple. Al momento non si sa ancora nulla del nuovo sistema operativo, ma sembra abbastanza ovvio che non si tratti di una qualche variante di Android, bensì un OS sviluppato interamente da zero, magari basato su kernel Linux, come nel caso di Tizen.

La nuova piattaforma potrebbe essere già disponibile entro la fine dell’anno. Se da un punto di vista economico e in questo caso anche politico, la scelta appare infatti sensata saranno però tutte da verificare le possibilità di successo commerciale. Anche in Cina infatti Android è molto radicato e non è detto che i consumatori accolgano trionfalmente iniziative di questo tipo.

Lo scenario mondiale dei prossimi anni per quanto riguarda gli OS mobili è comunque molto interessante e sarà sottoposto a mutazioni profonde, che lasciano spazio a ipotesi diverse. Da un lato infatti Samsung e HTC potrebbero riuscire nei propri obiettivi e Google vedrebbe dunque le quote di Android significativamente ridotte, ma potrebbe anche accadere il contrario e assisteremmo in questo caso all’emergere di nuovi brand Android based che diverrebbero dominanti, andando a sostituire Samsung e HTC. 


 
Tag dell'articolo: , , , , , .

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

Archivo mensile 2021


Visualizza gli Archivi completi
▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980