Motion-sensing per tutti, ci pensa Microchip

Microchip Technology ha sviluppato una tecnologia di rilevamento del movimento a basso consumo e che può essere facilmente integrata in smartphone e tablet, ma anche nelle tastiere

Nel settore dei videogame, ormai, da tempo si sono affermati i controller capaci di tracciare i movimenti del corpo del giocatore e riprodurli all’interno del gioco, trasformandoli in comandi per il personaggio. In campo mobile, però, non esiste ancora nulla che possa dirsi efficace ed efficiente in tal senso, o almeno non esisteva fino a poco tempo fa. Oggi Microchip Technology ha infatti annunciato di aver sviluppato un motion-controller  a basso consumo, il cui uso ideale è nei dispositivi mobili.

La tecnologia è chiamata GestIC e fa affidamento su un controller MGC3130, che genera un campo elettrico all’esterno del dispositivo e lo sfrutta per rilevare i movimenti al suo interno. Il campo elettrico può essere generato da una matrice di elettrodi che può essere stampata su un circuito ed inserita negli strati di un touchscreen, il range di utilizzo dovrebbe essere di circa 6 pollici, ovvero poco più di 15 cm, sufficienti per affrancarci dalle fastidiose ditate onnipresenti sugli schermi touch degli smartphone di oggi.

La tecnologia GestIC permetterà di controllare senza tocco qualunque dispositivo

La tecnologia GestIC permetterà di controllare senza tocco qualunque dispositivo

Il controller MGC3130 ha un consumo massimo di 90 milliwatt durante il tracciamento dei movimenti nel campo elettrico, ma può operare in diversi stati energetici, perfino consumando appena 150 microwatt ed essere ancora attivo (non in idle).

Le gesture vengono campionate 200 volte al secondo e la risoluzione è la stessa di un mouse, 150 DPI. La libreria di gesture programmata nel controller include la maggior parte dei movimento consueti, come il colpo di frusta (flicking) per sfogliare, oppure gesture circolari, gli sviluppatori possono utilizzare questi movimenti di base per programmare altre gesture, sfruttando le coordinate 3D generate dal sistema di tracciamento.

Un controller del genere è sicuramente il benvenuto nel settore mobile, anche se ci sono ancora alcune limitazioni importanti. Ad esempio il controller non può tracciare i gesti di più dita contemporaneamente, oppure non riconosce una mano aperta da un pugno chiuso. I progettisti Microchip sono al lavoro per risolvere questi inconvenienti, se ci riusciranno (ed è logico pensarlo) si disporrà di un nuovo sistema di interazione tra uomo e smartphone, oltre la barriera del touchscreen.

Una volta avviata la produzione in volumi, il controller MGC3130 costerà 2.26 dollari al pezzo. Microchip sta collaborando anche con i produttori di PC per portare questa tecnologia nel settore desktop, ad esempio integrando il controller nelle tastiere e permettendo di utilizzare le gesture con Windows 8 anche senza dover protendere le braccia verso il display, ma semplicemente tenendole di poco sollevate sulla tastiera.

Fonte: urlMicrochip
 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

Archivo mensile 2014


Visualizza gli Archivi completi
▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980