Review Zalman ZM-K400G: una quasi gaming keyboard per tutte le tasche

 

Materiali ed ergonomia

La K400G è una tastiera realizzata in plastica per la maggior parte opaca con alcuni inserti lucidi in prossimità del poggiapolsi. Zalman ha infatti integrato un piccolo poggiapolsi che però durante le lunghe sessioni di digitazioni consente di trovar sollievo. Recensendo alcuni prodotti, recentemente abbiamo iniziato ad associare un elevato peso ad un prodotto di qualità in campo gaming keyboard, qui ci sorprende proprio il peso esiguo della tastiera che, affiancato alla plasticosità, non ci garantisce quella sensazione di qualità che siamo ormai soliti aspettarci dalle costose periferiche per il gaming, ma qui parliamo di un target diverso ed il prezzo lo dimostra.

Al solito layout troviamo aggiunta in alto un’intera fila di pulsanti che trova applicazione una volta installato l’applicativo proprietario della tastiera. Partendo da sinistra abbiamo un tasto “M” che consente di switchare rapidamente in loop tra i tre profili configurabili per la tastiera. Subito accanto abbiamo i tasti da G1 a G5 ai quali possono essere associate della macro, vi ricordiamo che non c’è memoria interna alla tastiera e che le macro vengono eseguite esclusivamente via software.

Di seguito i controlli del lighting della tastiera per cambiare la colorazione da blu a rossa ed il regolatore analogico dell’intensità che anche alla massima potenza resta così esigua che per fotografarla abbiamo dovuto aumentare di due step l’esposizione della macchina fotografica.

Da notare che Zalman ha integrato due spot di illuminazione anche ai lati del poggia polsi. Sempre sulla stessa fila troviamo i pulsanti per il controllo del volume ed il riproduttore multimediale e per ultimo il tasto di Windows lock. Il meccanismo degli switch non è meccanico come ci aspetteremmo da una qualsiasi gaming keyboard ma bensì a membrana in gomma, questo comporta diversi aspetti. Una certamente maggiore silenziosità in fase di digitazione ma anche un considerevole riduzione delle performance e una durabilità relativamente ridotta, Zalman la dichiara per 10 milioni di pressioni.

Dobbiamo però notare che Zalman ha lavorato bene sull’ergonomia, guardandola di profilo infatti vediamo che i tasti seguono una curva che minimizza il percorso che le dita devono fare per raggiungerli e la space bar dispone di due sagomature in corrispondenza dei pollici, anche se dubitiamo dell’effettiva utilità di queste ultime apprezziamo lo sforzo di Zalman.

Sul fondo non troviamo nessun elemento contro la tesi che si è andata via via formulando fin adesso e che proporremo nelle considerazioni finali. Qui troviamo i due piedini che consentono alla tastiera di essere regolata su due livelli d’altezza, ma sono tutti tentativi che non hanno impatto sulla qualità generale del prodotto. Ci siamo fatti un’idea chiara di questa K400G di Zalman, passiamo adesso alle considerazioni finali.

Capitoli:

1. Introduzione
2. Materiali ed ergonomia

3. Considerazioni finali

 
Tag dell'articolo: , .

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980