Samsung al lavoro su un vero SoC a otto core

 

Attualmente le soluzioni di questo tipo sul mercato potrebbero essere definite più dei doppi quad core, da alternare a seconda del carico di lavoro, ma MediaTek e, a quanto pare, anche Samsung, avrebbero intenzione di sfornare per il prossimo anno CPU i cui otto core funzionino all’unisono.

Il chipmaker cinese MediaTek l’ha annunciato ufficialmente qualche giorno fa: entro il prossimo anno produrrà un System on a Chip dotato di processore a otto core, in grado di funzionare anche tutti assieme, ma in questi giorni si sono diffusi alcuni rumor secondo i quali anche la coreana Samsung starebbe muovendosi nella stessa direzione.

samsung-eyxnos-5-octa-620x346

Attualmente sul mercato ci sono già alcuni cosiddetti octa-core, tra cui proprio il Samsung Exynos 5 Octa, ma come sappiamo non si tratta di veri e propri processori a otto core quanto di due quad core affiancati che, grazie all’architettura ARM big.LITTLE, vengono alternati a seconda di ciò che richiede il workflow: i quattro ARM Cortex A15 infatti si incaricano dei task più impegnativi, mentre i quattro A7, con architettura più semplice, frequenze più basse e in generale capaci di un maggior risparmio energetico, subentrano quando i carichi di lavoro non sono così esosi.

Al momento non si sa nulla sulle caratteristiche tecniche, né della soluzione MediaTek né tantomeno di quella Samsung, tuttavia non bisogna esaltarsi più di tanto perché, al di là degli otto core che eccitano la fantasia dei più assetati di potenza, non è chiaro se si tratti alla fine di una mera operazione di facciata, come in ambito automobilistico, partecipando ad esempio alla formula 1 o ai rally per dare lustro al brand con un prodotto che mai nessuno potrà guidare in strada, o se invece dietro c’è maggior sostanza.

Al momento infatti viene difficile immaginare buone autonomie per un dispositivo del genere che voglia comunque restare leggero e sottile, inoltre sarebbero pochissime le applicazioni e i programmi inizialmente capaci di avvantaggiarsi di tutta questa potenza di calcolo. In ambito PC ad esempio ci sono voluti anni prima che i quad core servissero effettivamente a qualcosa e questa situazione potrebbe dunque ripetersi presto tra gli smartphone e i tablet, con in più un riflesso negativo sui consumi. Staremo a vedere.



 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

Archivo mensile 2021


Visualizza gli Archivi completi
▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980