Titanfall, lo shooter che ha stregato l’E3

 

Alla presentazione all’E3 Titanfall ha subito fatto proseliti tra la folla di appassionati, probabilmente per l’insieme di azione adrenalinica e scenari futuristici che propone, ma gli elementi interessanti di questo sparatutto in prima persona sono molti.

Sarà perché realizzato dagli autori originali del primo Call Of Duty e diretto dallo stesso Vincent Zampella, fuoriusciti da Infinity Ward dopo Modern Warfare 2, o per via del fatto che mischia alcune delle meccaniche di gioco tipiche di Unreal Tournament, sarà per lo scenario futuristico della storia o per la presenza dei “robottoni” sempre molto amati da tutti, fatto sta che Titanfall ha fin da subito attratto l’attenzione degli hardcore gamer appassionati di multiplayer.

E proprio a loro si rivolge l’originale titolo, che però di elementi interessanti ne offre diversi. A iniziare dal gameplay, che sarà unicamente multiplayer ma con alcuni aspetti innovativi, perché integrerà alcune meccaniche tipiche dei single player.

titanfall_screen_2

Ci sarà infatti comunque una storia narrata attraverso le missioni e all’intero dei match saranno presenti personaggi non giocanti che aiuteranno proprio lo svolgimento del plot. Non ci saranno dunque semplici sequele di missioni adrenaliniche senza capo né coda dove l’obiettivo principale è spararsi freneticamente addosso ma una trama e una narrazione che si dipanerà attraverso i diversi match, fondendo dunque single player, multiplayer e, in un certo senso, anche co-op.

Una tendenza da tenere d’occhio, che si è affacciata da qualche anno proprio col co-op, spesso integrato nel single player stesso e nella trama, come nell’ultimo capitolo di Dead Space, e che sarà sempre più la tendenza dei titoli futuri, in cui mondi massivi e persistenti online offriranno però anche una storia coinvolgente per ovviare al problema della ripetitività e della mancanza di motivazioni a restare nel mondo di gioco su distanze temporali medio-lunghe.

Il gioco inoltre ha mostrato una grafica notevole e chiaramente di nuova generazione e uno stile di gioco frenetico in cui squadre di soldati del futuro si affrontano in scontri veloci ed adrenalinici, aiutati in questo sia dalla disponibilità dei jetpack che consentono di volare per brevi distanze, effettuare salti lunghissimi o correre da un palazzo all’altro, sia dalla presenza di mech, chiamati titani appunto, in cui il giocatore potrà entrare in ogni momento, impadronendosi anche di quelli eventualmente abbandonati sul terreno di gioco, o decidere di uscirne espellendosi fuori, o infine ancora cercare di distruggere quelli nemici aggrappandosi a loro e sparando al computer di controllo centrale.

La presentazione è stata breve ma molto efficace. Titanfall promette molto e potrebbe essere una killer app in grado di spostare gli equilibri nella nuova console war appena iniziata tra PlayStation4 e Xbox One, visto che il gioco non sarà disponibile sulla console nipponica ed uscirà invece solo su PC, Xbox 360 e Xbox One nella primavera del 2014.


 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980