Ubisoft: le console attuali non saranno le ultime

 

Internet a banda larga e server adeguati: se tra cinque anni ci sarà tutto questo allora lo streaming dei giochi attraverso il cloud sarà il futuro delle console, che consentiranno al tempo stesso alle aziende di avere un controllo sulla propria piattaforma.

Durante un’intervista con la testata CVG, Yves Guillemot, amministratore delegato della software house francese Ubisoft, ha spiegato la sua visione per il futuro delle console, che non sarebbero destinate a uscire di scena dopo questa generazione ma piuttosto a trasformarsi ed evolversi, a patto ovviamente che anche il contesto faccia altrettanto.

Ubisoft-Yves-Guillemot-feature

Per Guillemot infatti Microsoft Xbox One e Sony PlayStation 4 non saranno le ultime del loro genere: se l’ampiezza della banda Internet disponibile per tutti aumenterà significativamente nei prossimi anni e le aziende disporranno di strutture adeguate sarà infatti possibile mantenere le console come terminali d’accesso a giochi in streaming erogati via cloud.

In questo modo le aziende potranno mantenere l’attuale livello di controllo sulle proprie piattaforme, motivo principale per cui si preferiscono questi prodotti, garantendo al tempo stesso un salto qualitativo ai giochi offerti tramite una soluzione che diciamo, in nuce, abbiamo visto nell’attuale Nvidia Shield, in grado di consentire di giocare agli attuali titoli videoludici per computer grazie alla tecnologia GRID di elaborazione in remoto.

In questo modo è possibile con poca spesa superare in un sol balzo le limitazioni hardware della macchina, consentendo nel caso specifico a una miniconsole con Tegra 4 di riprodurre fluidamente titoli come Far Cry 3.

“Credo che grazie ai servizi cloud cambieranno un po’ di cose. Con il cloud e l’aumento della banda dovremmo avere la possibilità di incrementare la qualità dei giochi nell’arco dei prossimi anni, ma credo che dovranno passare cinque anni. Se dovessimo riuscire ad avvantaggiarci della qualità portata da questi dispositivi e dovessimo avere la possibilità di spendere soldi credo che potremmo far crescere il giro d’affari molto velocemente”, queste le parole di Guillemot. Vedremo dunque se il tempo e il mercato gli daranno ragione.



 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980