Intel Haswell, Gigabyte Z87X-UD3H e MSI Z87 Mpower Max: la nuova generazione è arrivata!

 

Considerazioni finali

Con la nuova gamma Haswell, Intel ha puntato particolarmente sull’aumento delle prestazioni per il comparto GPU, in questo contesto le performance sono aumentate sino al 50% rispetto alla precedente gamma. Però non si può dire lo stesso per quelle 2D, dove percentualmente ci sono state delle variazioni minime (tra il 5% e il 10%), valori quindi non particolarmente apprezzabili in un utilizzo quotidiano. C’è da dire però che un altro aspetto è stato curato: i consumi, Intel (grazie ai processi produttivi ridotti) era già in vantaggio rispetto ad AMD, ma con questa nuova generazione migliora ulteriormente il rapporto prestazioni/consumi. Per quanto concerne l’overclock, i margini di miglioramento sono particolarmente contenuti, a causa anche dall’ingente calore generato da queste CPU all’aumentare dei voltaggi.

Nella gamma Haswell sono presenti principalmente 3 diverse fasce di prezzo: 192$, 213$ e 303 $, rispettivamente adibite alle versioni Core i5 4570, i5 4670 e i7 4770, comprese le loro varianti a basso consumo energetico. Invece le due soluzioni “K”, analizzate quest’oggi, hanno prezzi maggiori rispetto alle versioni tradizionali, nello specifico si attestano a 242$ e 339$. Di seguito una tabella riepilogativa: 

Prezzo (dollari) Modelli: 
339$  i7 4770K
303$  i7 4770T, i7 4770S, i7 4765T, i7 4770
242$  i5 4670K
213$  i5 4670T, i5 4670S, i5 4670
192$  i5 4570T, i5 4570S, i5 4570

I prezzi in euro per il mercato italiano non sono stati comunicati, ma considerando il cambio euro/dollaro e le tasse, si può supporre valori allineati (ad esempio il Core i7 4770K a circa 339 euro,ecc). Rispetto alla gamma AMD FX Vishera i prezzi sono senz’altro superiori, in particolare se si considera nel complesso la piattaforma (le schede madri AMD essendoci da molto più tempo sul mercato, hanno prezzi maggiormente competitivi), pertanto per la fascia medio-alta le proposte FX 4350, FX6350 e FX 8350, sono ancora le preferibili per un eventuale upgrade. 

Ma il prezzo e le prestazioni non sono l’unico fattore da tenere in considerazione nel confronto, Le CPU Intel Haswell sono i processori dal miglior rapporto prestazioni/consumi sul mercato, in particolare i consumi sono decisamente più bassi rispetto alle dirette rivali AMD. Inoltre dispongono già di un GPU integrata, pertanto se si vogliono realizzare workstation dedicate esclusivamente all’ambito 2D (e quindi senza VGA dedicata) questi processori Intel sono preferibili. Inoltre nella fascia alta/enthusiast AMD non offre nulla di paragonabile ai Core i7 4770/4770K

Un altro aspetto però va contro i nuovi processori Intel, ci stiamo riferendo alla necessità del nuovo socket e quindi di una scheda madre specifica. Se siete già in possesso di un sistema Sandy Bridge o Ivy Bridge, non sarà possibile effettuare un upgrade con la sola sostituzione della CPU ma anche la scheda madre andrà cambiata, pertanto l’ipotetico miglioramento percentuale delle prestazioni non sarebbe conveniente in rapporto con il costo di questo upgrade (ovviamente, a meno che non stiate puntando al massimo, ma in questo caso la piattaforma LGA2011 rimarrebbe la preferibile).

I nuovi chipset della serie Intel 8 dedicati alle mainboard LGA1150 offrono alcune novità, in particolare il comparto storage ha subito un potenziamento nel supporto diretto di un maggior numero di connessioni di ultima generazione. Ciò in combinazione con le continue evoluzioni apportate dai vari produttori, offriranno nel complesso dei prodotti particolarmente interessanti (nuove interfacce dei Bios, funzionalità specifiche per i videogiocatori, ecc). In questo articolo abbiamo avuto modo di provare 2 differenti schede madri basate sullo stesso chipset Intel Z87, ma di diverso produttore e fascia di appartenenza.

MSI-MPOWE-MAX-+-Gigabyte-Z87X-UD3H-Foto

Nella gamma LGA1150/Z87, la Gigabyte Z87X-UD3H si posiziona nella fascia media, pertanto dispone di un insieme di tecnologie e feature pensate per essere realmente utili nell’utilizzo quotidiano del prodotto, pochi fronzoli aggiuntivi che verrebbero usati da una ridotta utenza. Proprio per tali motivi si evidenzia come una proposta particolarmente interessate sia come potenzialità che come prezzo di vendita (ipoteticamente intorno ai 150/170 euro), a nostro avviso è ideale se abbinata con la gamma Core i5.

Invece la MSI MPower Max tralascia il fattore prezzo puntando semplicemente alle massime potenzialità possibili. Pertanto si basa su componenti di ottima fattura, con una gestione elettronica al top (Military Class IV, 20 fasi di alimentazione digitali per la CPU, ecc), inoltre vanta un’innumerevole quantità di tecnologie dedicate agli appassionati di gaming ed overclock. Per tali motivi questa proposta è ideale per l’utenza che richiede il massimo dal proprio sistema, ma con la prerogativa che sappia realmente utilizzare tali funzionalità, altrimenti il prezzo maggiore non sarà giustificato.


 

/strong

Si ringrazia: urlMSISi ringrazia: urlGigabyteSi ringrazia: urlTecno Computer ItaliaSi ringrazia: urlIntelSi ringrazia: urlAntec
 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980