I neutrini superano la velocità della luce?

 

Nei giorni scorsi è accaduto l’impensabile nel mondo della fisica, è successo che durante un esperimento congiunto del Cern e dell’Infn, si è osservato che è stata superata la velocità della luce. A compiere l’impossibile è stato un fascio di neutrini, “prodotti” al Cern di Ginevra (Cern Super Proton Synchrotron) e “sparati” attraverso la roccia, sino ai Laboratori del Gran Sasso dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). Il tragitto misura 730 Km e, a quanto pare, la velocità della luce è stata superata di 60 nanosecondi.

Sino ad oggi, grazie ad innumerevoli studi che nel corso degli anni ne hanno confermato la validità, non era mai stato preso in considerazione un evento del genere, semplicemente perche non contemplato dalla Teoria della Relatività Ristretta, pubblicata dal fisico Albert Einstein nel 1905 secondo il quale la velocità è una costante, superarla è semplicemente impossibile. Tale convinzione porto all’enunciazione della formula matematica E=mc², dove E rappresenta l’energia, m la massa e c la velocità della luce.

Super-Proton-Synchrotron accelerator

Super Proton Synchrotron accelerator

Per arrivare ad una misurazione cosi precisa sono state utilizzate attrezzature di nuova progettazione,  il tutto si inserisce all’interno dell’esperimento Cngs (Cern NeutrinoS to Gran Sasso). L’esperimento è in corso da almeno tre anni e tanto ci hanno messo gli scienziati prima di annunciare una scoperta di tale portata. Per percorrere la distanza di 730 Km i neutrini impiegano soltanto 2,4 millisecondi, in anticipo di 60 miliardesimi di secondo rispetto alla velocità della luce che, lo ricordiamo, è pari a 300.000 Km/sec. I dati sono stati forniti dal rivelatore Opera.

 

La scoperta è talmente rivoluzionaria che merita di essere studiata anche da gruppi indipendenti, “Dopo molti mesi di studi e di controlli incrociati non abbiamo trovato nessun effetto dovuto alla strumentazione in grado di spiegare il risultato della misura. Continueremo i nostri studi e attendiamo misure indipendenti per valutare pienamente la natura di queste osservazioni” dice Antonio Ereditato, fisico responsabile del rivelatore Opera.

Ora, per noi che non siamo scienziati, è facile cominciare a volare con la fantasia, se la velocità della luce è stata superata (ci vorranno anni per avere una conferma ufficiale), quante cose ritenute oggi impossibili potrebbero diventarlo domani ?

 

Approfondimento: urlCernFonte: urlRepubblicaFonte: urlImmagine
 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980