Sapphire HD 7770 Vapor-X Edition: temperature ed overclock da primato! – Review -

 

Sapphire HD 7770 Vapor-X nel dettaglio

La Sapphire HD 7770 Vapor-X si presenta con un grosso dissipatore e una linea slanciata grazie all’elaborata cover di plastica di cui dispone, la parte sinistra (sfondo grigio) è formata da un secondo strato di plastica trasparente per aumentarne la lucentezza. Da notare anche il logo AMD Radeon che per l’occasione perde la classica colorazione rossa per un più “tranquillo” bianco e nero. Su questi aspetti nulla è stato lasciato al caso, rendendo la Vapor-X una soluzione visivamente appetibile sia per i sistemi gaming ma anche per gli ammanti del modding in generale.

Le 2 ventole hanno un diametro di 75 mm, il layout delle pale è ottimizzato per massimizzare il flusso d’aria in rapporto alla velocità di rotazione ed al rumore prodotto, inoltre sono verniciate con una colorazione nera particolarmente lucida, che risalta l’estetica del prodotto. Il PCB è identico alla versione progettata da AMD, l’unica differenza risiede nella colorazione blu. La circuiteria di alimentazione è quindi rimasta invariata, per il corretto funzionamento necessita di un connettore supplementare PCI-E a 6 PIN, le fasi di alimentazione non dispongono di heatsink a loro dedicati.

Il PCB risulta ordinato, con ampi spazi vuoti non occupati dai componenti elettronici, il processore grafico è posizionato centralmente con intorno i 4 chip di memoria RAM, quest’ultimi sono prodotti da Elpida e forniscono una capacità totale di 1 GB. Le connessioni video sono variate rispetto alla configurazione proposta da AMD, troviamo in questo caso 2 DVI, una HDMI e un ulteriore DisplayPort.

 

Siamo giunti all’analisi del dissipatore, soluzione che distingue la proposta Vapor-X. Come il nome lascia intendere si basa sulla tecnologia Vapor Chamber, feature pensata per massimizzare lo scambio termico tra il processore grafico e le alette dissipanti, viene quindi normalmente impiegata al posto delle più classiche Heat Pipe quando c’è un’elevata fonte di calore da gestire. Per farvi un esempio, AMD la utilizza nei dissipatori reference delle schede video enthusiast, come ad esempio l’HD 6990 o la più recente HD 7970.

 

La soluzione scelta da Sapphire è molto interessante perché accomuna inizialmente una cella vapor chamber a diretto contatto con il processore grafico e due ulteriori heatpipe che hanno il compito di spostare il calore in eccesso all’estremità del dissipatore, rendendo quindi più efficace e uniforme la dispersione del calore. 

Le alette dissipanti così come il supporto principale sono realizzati in alluminio, con un occhio attento si possono notare delle scanalature in corrispondenza dei chip di memoria RAM, questi come per la GPU vengono raffreddati a diretto contatto con il dissipatore, ci ha sorpreso la mancanza in questo frangente di pad termici o della più semplice pasta termica per assicurarsi le migliori prestazioni. Comunque ricordiamo che nelle soluzioni AMD HD 7770 reference non vengono dissipate in alcun modo, ma solo dal flusso d’aria generato dalla ventola.

 

 

 

Non sono ammessi commenti per questo articolo.

Fan di Facebook

Seguici o condividi su:

Assistenza Tecnica

▲ torna su Login »

Per qualsiasi informazione si prega di utilizzare la sezione Contatti - Pagina dello Staff.
Nomi e marchi appartengono ai legittimi proprietari e vengono utilizzati per il solo scopo informativo.
Tutti i contenuti pubblicati, salvo diversa indicazione, sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Licenza Creative Commons
2011 - TechArena
P.Iva: 02914540980